Spacciatori nel mirino: dodici arresti

Cinque fermati dai carabinieri a Rogoredo, 7 a Malpensa con gli «ovuli»

Spacciatori nel mirino. Cinque persone sono state arrestate per droga, a Milano, dai carabinieri di San Donato Milanese. Nel tardo pomeriggio di ieri a Peschiera Borromeo un militare dell'Arma, libero dal servizio, ha notato un giovane nord africano accostare l'auto al margine di una strada. Il carabiniere lo ha seguito fino all'arrivo dei colleghi e di una pattuglia di motociclisti della polizia locale. Perquisito, in auto lo spacciatore, marocchino 34enne, nascondeva oltre 100 grammi di cocaina, già suddivisa in dosi, e 500 euro in contanti. Arrestato, è stato portato al carcere San Vittore. Poco dopo sono finiti in manette due giovani marocchini, di 18 e 24 anni, sorpresi mentre raggiungevano una zona isolata di campagna tra Mediglia e Peschiera Borromeo con addosso più di 100 grammi di eroina. In serata invece, vicino alla stazione di San Donato e nell'area confinante con la stazione di Rogoredo, sono stati arrestati altri due spacciatori. Si tratta di un 18enne egiziano, sorpreso mentre cedeva alcune dosi di cocaina, e un italiano 35enne trovato in possesso di pochi grammi di marijuana. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di trovare e sequestrare oltre 800 grammi dello stesso stupefacenti. Entrambi sono finiti a San Vittore. Nella serata i Carabinieri della Compagnia di San Donato. Corrieri della droga nel mirino anche negli scali milanesi, più trafficati del solito in questo primo anticipo di ponti e feste. A Malpensa sono stati intercettati nei giorni scorsi sette «ovulatori», i trasportatori di droga ingerita in ovuli. A bloccarli nella sala arrivi dell'aeroporto sono stati i militari della Guardia di Finanza in collaborazione con i Funzionari della locale Agenzia delle Dogane. Fra i fermati - spiegano i finanzieri - spicca la recrudescenza del fenomeno dell'eroina proveniente dal Pakistan: sono infatti due i cittadini pakistani provenienti dal loro Paese trovati in possesso di 31 ovuli per un peso complessivo di oltre 400 gr. di sostanza stupefacente posta sotto sequestro. Gli altri 5 arrestati (due brasiliani, un argentino, un nigeriano ed un italiano) trasportavano un totale di oltre 400 ovuli per un peso complessivo che supera i 4 KG di sostanza stupefacente del tipo cocaina. Ultimo è stato il fermo di un cittadino di italiano di 41 anni,L.M., nato a Monza ma residente a Santo Domingo.