Lo sport è cultura e stile di vita Alle elementari via alle lezioni

Lo sport come stile di vita. Come educazione e come insegnamentio di vita per i bambini. Perchè una corretta cultura dello sport serve anche a spiegare a chi deve crescere come nulla arrivi e si conquisti per caso ma solo con la passione, la fatica e l'applicazione. Anche su questi presupposti si muovono scuole e comune per sviluppare i programmi di educazione fisica anche nella scuola primaria portando negli istituti gli istruttori del Coni e far crescere l'abitudine a un corretto stile di vita.
È questa la filosofia degli interventi di «alfabetizzazione motoria» che il Comune di Milano promuove attraverso un progetto che si svilupperà nei prossimi mesi nelle scuole primarie. Corsi specifici, in particolare, grazie a una collaborazione tra amministrazione comunale, Coni, Ufficio Scolastico Regionale e in collaborazione con ANCI Lombardia e Unione delle Province Lombarde. «È un programma di lavoro importante – ha dichiarato Chiara Bisconti, assessora allo Sport, Benessere e Qualità della vita che vede coinvolte quasi 1.600 classi e interesserà circa 35mila alunni. Numeri molto alti che fanno ben sperare. È un'altra dimostrazione di quanto teniamo allo sviluppo e rilancio dello sport di base, che parte da qui, dalle scuole primarie».
«È molto importante che i bambini inizino da subito a familiarizzare con l'attività sportiva. Alla scuola spetta certamente il compito fondamentale di educare ma lo sport ha un profondo valore formativo perché aiuta la crescita promuovendo valori positivi come il senso di comunità e l'onestà. Queste iniziative rappresentano quindi un percorso di vero “insegnamento“ al pari delle altre materie scolastiche” ha detto Francesco Cappelli, assessore all'Educazione e Istruzione. Il finanziamento previsto, per il periodo gennaio-maggio 2014, è di 250mila euro.