La sposa di charme sfila e conquista i buyer

L'edizione 2014 di Sì Sposaitalia Collezioni a fieramilanocity si è conclusa con un aumento del 7% delle presenze di visitatori professionali 7.273 contro i 6.798 di un anno fa. In crescita quelli provenienti dall'estero

La sposa di charme conquista i visitatori professionali e l’edizione 2014 di Sì Sposaitalia Collezioni a fieramilanocity si è conclusa con un aumento del 7% delle presenze di buyer: 7.273 contro i 6.798 di un anno fa. Il dato estero, migliore come andamento rispetto alle presenze italiane, ha superato i 2.000 buyer provenienti da più di 50 Paesi, pari al 28% del totale delle presenze. A trainare le ottime performance il Giappone con quasi 300 buyer, molto positivi i numeri del Medio Oriente in particolare da Arabia Saudita, Israele e Giordania; bene anche le presenze da Corea del Sud mentre gli Stati Uniti tornano a incrementare la loro presenza dopo qualche edizione in diminuzione. Tra i mercati europei di peso si confermano Austria, Germania, Portogallo e Spagna, soffrono invece le presenze dall’Est Europa e dalla Russia.

Sì Sposaitalia Collezioni conferma il suo ruolo di punto di riferimento per il bridal wear internazionale, un settore che resiste alla crisi solo se caratterizzato da massima qualità nella produzione. Lo si è visto nelle collezioni dei 170 marchi di questa edizione, che hanno raccolto commenti più che positivi tra buyer e stampa internazionale. I numeri finali riflettono l’andamento dei mercati: quello italiano che sta ancora soffrendo e quelli esteri che continuano a trainare il made in Italy, in particolare i Paesi che hanno un prodotto interno lordo più tonico e in crescita. In generale è stata un’edizione di grande concretezza: i buyer, e i più importanti c’erano tutti, sono arrivati con la voglia di vedere le novità e fare acquisti; e le aziende hanno dato il meglio di sé, nelle collezioni e nelle presentazioni.