Stangata sulla spazzatura: ecco quanto si dovrà pagare

Stangata in arrivo per i milanesi. Questa volta va sotto il nome di Tares che manda in pensione la vecchia Tarsu e sta per «tassa sui rifiuti». Cosa cambia? Paga di più chi produce di più. I nuovi conteggi dunque considerano non più soltanto i metri quadrati, ma anche il numero delle persone che compongono la famiglia per quanto riguarda le utenze «domestiche». Con un «ritocchino» dedicato ai nuclei familiari da 4 persone in su che vivono in case non più grandi di 100 metri quadrati: sconto del 25 per cento sulla quota «variabile» della tariffa.
Sono questi i due principi stabiliti dalla giunta che ieri ha approvato la delibera per la definizione delle tariffe della tassa «voluta dal governo», ribadisce mettendo le mani avanti l'assessore al Bilancio Francesca Balzani. Una norma che ci obbliga a rivedere le tariffe», puntualizza mentre spiega che l'incremento per Milano sarà dell'8,9 per cento. In soldoni i milanesi per il sborseranno per il 2013, 288 milioni 910 mila 831 euro per coprire il servizio Amsa contro i 265 milioni 293 mila 901 versati lo scorso anno.

Commenti

paolodb

Gio, 11/07/2013 - 08:19

... con l'ovvia eccezione degli appartamenti trasformati abusivamente in dormitori per extracomunitari, dove risultano 2 persone e ne vivono 20 o 30 e dove nessuno andrà mai a controllare.