Street food: le isole del gusto conquistano il centro della città

Per i maestri del buon cibo itinerante 50 nuove concessioni

di

Dopo la fortunata esperienza di Expo, Milano mantiene il titolo di patria del buon cibo, non solo nostrano ma anche internazionale. Le vie all'ombra delle guglie della centralissima zona 1, diventeranno un percorso culinario a cielo aperto attraverso lo street food proveniente da tutto il mondo. Tra bruschette e hot dog, visitare le bellezze della città sarà ancora più invitante. Un viaggio di sapori e colori che sa coniugare gusto e tradizione.

Ad annunciarlo è stato l'assessore alle politiche per il lavoro, attività produttive e commercio, Cristina Tajani che sull'iniziativa «Isole itineranti del gusto» commenta: «Abbiamo portato una nuova concezione del cibo di strada al centro del commercio itinerante, perché l'alimentazione è cultura e valorizzazione del territorio».

La proiezione è quella di una Milano sempre più cosmopolita e che vuole ricalcare il «buon» esempio delle capitali europee e mondiali, che fanno dello street food una vera e propria attrattiva per locali e turisti. Ma il capoluogo meneghino non si limiterà a mettere in piazza i sapori nostrani e lascerà spazio anche a gustose ricette internazionali. Il progetto non vuole solo aumentare la cultura del gusto ma assolvere anche ad un impegno sociale: la creazione di nuovi posti di lavoro, attività commerciali e occupazioni per i giovani.

Ben 50 operatori hanno preso parte all'iniziativa, 11 dei quali avevano già partecipato alla fase di sperimentazione mentre gli altri hanno aderito successivamente al bando proposto dal Comune. La concessione durerà per cinque anni e i commercianti itineranti potranno sostare in zona 1 per un massimo di due ore e ad almeno 250 metri dai loro diretti concorrenti. I prodotti proposti sono non solo Dop e Igp, ma c'è spazio anche per sapori etnici. Tra i partecipanti c'è «Mozzarella e dintorni» che propone bruschette e prodotti tipici del salentino. «Pop dog» che reinterpreta il classico hot dog statunitense. «Sapori in movimento», con un'offerta di specialità emiliane dallo gnocco ai salumi. Tra le novità presenti in questo progetto c'è «PicoBrew», il pub itinerante che offre una vasta selezione di birre e «Pestofino» che ripropone sapori e profumi del Tigullio. La vera rivoluzione è però nei mezzi utilizzati. L'estetica è dedicata e compatibile con il contesto urbano e sono anche eco-friendly a pedali o elettrici. I singoli mezzi sono dotati di apposite cappe per l'abbattimento degli odori così da mantenere intatto il decoro urbano, senza interferire nella vita cittadina.