Stuprata in pieno giorno tra le auto parcheggiate nel centro commerciale

La vittima è stata aggredita da un giovane romeno Due agenti in borghese sono intervenuti per salvarla

Sono stati due poliziotti del quinto turno delle «Volanti» - un agente e un assistente liberi dal servizio - a bloccare e mettere le manette martedì pomeriggio a uno stupratore. Un romeno di 34 anni che alle 2 del pomeriggio - quindi in pieno giorno - non ha esitato ad aggredire una ragazza di 27 anni in un parcheggio di Milanofiori, ad Assago, luogo notoriamente molto frequentato perché sede di tanti uffici, numerosi ditte e di un grande centro commerciale. Il malvivente, nonostante fosse pregiudicato (quindi non un novellino del crimine) non solo era convinto di farla franca, ma evidentemente anche completamente incurante della forti probabilità che aveva in un posto simile e a quell'ora di venire notato e farsi catturare. Va sottolineato che l'intervento dei poliziotti è ancora più meritevole visto che la vittima era in un tale stato di choc da non riuscire nemmeno a pronunciare un suono, a gridare per lanciare un sos e chiedere aiuto e quindi non si sarebbe potuto contare su di lei per allertare eventuali soccorsi.

L'uomo ha fermato la giovane donna che era appena uscita da un supermercato e stava per salire sulla sua automobile. Quindi l'ha spinta contro la vettura e ha cominciato a palpeggiarla sino a costringerla a piegarsi su se stessa per avere un rapporto.

La situazione è stata notata dai due agenti della polizia di Stato, immediatamente intervenuti. Il romeno, vedendosi scoperto, ha tentato immediatamente di fuggire nascondendosi dietro le macchine in sosta, ma alla fine è stato raggiunto, bloccato e arrestato.

La ragazza era talmente scossa da quanto le era accaduto nel giro di pochi attimi che, nonostante i suoi due «salvatori» le avessero mostrato il distintivo della polizia di Stato, si è dimostrata molto impaurita e diffidente alla vista davanti ai quegli uomini che indossavano abiti comuni e non la divisa. A quel punto, poi, la polizia ha contattato la sua famiglia e nel parcheggio è arrivato il padre, che è riuscito a calmarla.

I due poliziotti che hanno messo in salvo la 27enne e portato in cella il bruto riceveranno un encomio solenne in occasione della prossima festa della polizia.