Su internet esordio con lo skyline

Aumentano i fan su Facebook. E su Twitter spunta il Comitato che sostiene il manager

Il manager digitale non poteva che esordire anche sui social network. E se l'annuncio è stato subito lanciato su twitter, c'è già un profilo pubblico che ne raccoglie parole e azioni. Si chiama Comitato Parisi. «Accogliendo l'invito che mi è stato rivolto da tutte le forze politiche del centrodestra, ho deciso di candidarmi per diventare il prossimo sindaco di Milano» recita adesso il «Comitato Parisi», @ParisiPerMilano, profilo twitter dell'imprenditore e grand commis passato alla politica.È tutto ancora agli inizi, perché Parisi non è un politico di professione e al momento cerca di presidiare personalmente la campagna elettorale. Così, un po' alla chetichella, è partita anche la pagina Facebook. Non come iniziativa personale, che naturalmente ha già vita propria, come accade anche su twitter, ma la pagina di coloro che ufficialmente lo sostengono. E il nuovo arrivo nel mondo dei social network ha subito superato i mille fan. Non sono tantissimi, considerato che il candidato scelto dal centrodestra per correre da sindaco ammette lui stesso di non essere noto e di avere una popolarità ancora tutta da costruire. Ma gli esordi del passaparola, che non è ancora diventato un battage digitale, hanno già dato i primi effetti.Parisi ha anche una pagina internet dedicata, sia pur allo stato embrionale. Si chiama ParisiPerMilano.net e, appena si apre la schermata, appare lo skyline della città dopo la cura Albertini e Moratti, ovvero la rivoluzione urbanistica che ha portato i grattacieli nel cuore di Porta Nuova. «Per una Milano aperta, globale, libera e creativa» è lo slogan che campeggia sul cielo di Lombardia in un giorno in cui è così bello, così splendido, così in pace. Quattro aggettivi che disegnano un programma e poi quel che sembra una specie di manifesto elettorale: «Dobbiamo riprendere a pensare al futuro di Milano come fecero le giunte Albertini e Moratti: tutto quello che oggi fa parlare di miracolo Milano, dalle riqualificazioni di Porta Nuova all'Expo». Insomma, prove generale di debutto digitale per il manager imprenditore.