Tasse alle imprese: Milano è la più cara

Ci sono classifiche in cui sarebbe meglio essere all'ultimo posto. Come quella sulle tasse locali che gravano sulle imprese stilata da Assolombarda che ha monitorato «indicatori fiscali e tariffari di attrattività del territorio» nei cinquantacinque principali comuni dell'area Milano, Lodi, Monza e Brianza. E il risultato è che Milano costa tantissimo, così come i comuni più vicini. Mentre il sindaco più virtuoso è quello di Liscate che per attirare le imprese sul territorio ha scelto una politica del low cost fiscale. Assolombarda ha ipotizzato due imprese tipo, proprietarie di un capannone industriale e di un ufficio, confrontando gli importi pagati nel 2012 in oneri di urbanizzazione, Imu, Tia, Tarsu e addizionale Irpef. Il risultato è che per gli oneri di urbanizzazione per realizzare un nuovo capannone, in testa c'è Milano seguita da Baranzate e Cologno Monzese. I costi minori a Casalpusterlengo. Gli stessi oneri per la realizzazione di uffici vedono al primo posto sempre Milano, poi Rozzano e Pieve Emanuele.