Taxi, sciopero contro la concorrenza di Uber

Sciopero a sorpresa dei tassisti. Ieri mattina, nonostante le sigle sindacali avessero preannunciato lo stop del servizio per il 20 febbraio, un centinaio di conducenti ha deciso comunque di incrociare le braccia. E di farle incrociare forzatamente ai colleghi. A esasperare il clima la «concorrenza sleale» di Uber taxi, la app che permette di noleggiare un'auto blu con conducente in livrea e la totale mancanza di controlli da parte del Comune. Di fatto si tratta di un servizio di «para taxi» che violerebbe la legge 21/92 e il regolamento comunale per il Servizio di autonoleggio da rimessa con conducente a mezzo di autovettura.