Terrore islam, in Lombardia il record di intercettazioni

Con l'allarme estremismo sono ormai qui oltre metà dei telefoni e degli ambienti messi sotto controllo

Terzo posto per Milano nella classifica generale delle città più intercettate, secondo posto alla Lombardia nella classifica per regioni. Ma c'è un settore dove la lettura dell'ultimo rapporto Demoskopica sulle intercettazioni giudiziarie in Italia rivela meglio di qualunque altra analisi quanto sia grave la situazione nella nostra regione: è il dato sulle intercettazioni disposte nell'ambito delle inchieste per terrorismo internazionale, ovvero sulla penetrazione del l'estremismo jihadista nelle comunità islamiche.

Il rapporto, infatti, rivela che tra il 2009 e il 2014 la Lombardia ha assorbito da sola oltre la metà delle intercettazioni telefoniche e ambientali disposte nelle indagini antiterrorismo. Sono stati ben 1.004 i «bersagli» individuati dalle procure di Milano e Brescia e finiti sotto controllo. Non significa che nel mirino siano finiti mille terroristi o presunti tali, perché tecnicamente con il termine di «bersaglio» si indica ogni singolo dispositivo telefonico o telematico da ascoltare: e poiché spesso i sospettati utilizzano più di un cellulare o computer, il totale va diviso almeno per due. Ma rimane un numero molto alto. E d'altronde la statistica arriva all'indomani delle notizie provenienti dalla Libia che confermano come Milano e la Lombardia siano al primo posto nella strategia di penetrazione da parte dell'Isis nel nostro Paese.

Il dato è indubbiamente allarmante, ma può essere letto anche in chiave positiva: perché conferma che l'attenzione degli uffici giudiziari è alta e che, insieme ai militanti o fiancheggiatori della jihad che vengono periodicamente arrestati, esiste un numero assai più vasto di soggetti che sono sotto inchiesta e che vengono monitorati. Oltretutto ai dati compresi nella statistica di Demoskopica, basati sulle tabelle fornite dal ministero della Giustizia, andrebbero aggiunte anche le intercettazioni preventive compiute dai servizi segreti che hanno necessità di essere autorizzate dalla procura generale e non possono essere utilizzate nei processi, di cui non esiste un resoconto statistico, ma che vanno anch'esse ad allargare il campo dei soggetti a rischio di deriva integralista tenuti d'occhio dagli apparati dello Stato.

Ogni anno che passa, racconta la statistica, cresce (fino a raddoppiare in un quadriennio) il numero dei sospetti di terrorismo operanti in Lombardia: contro i quali la intercettazione di telefonate e di comunicazioni via computer è molto spesso il principale (se non l'unico) strumento di indagine: perché si tratta quasi sempre di cellule piccole o addirittura individuali che non si incontrano mai fisicamente e che mantengono i contatti tra di loro e con i confratelli che operano nelle zone di guerra unicamente via Skype o Whatsapp. È questa la nuova frontiera delle indagini antiterrorismo, resa ostica dall'evoluzione tecnologica e dall'affinamento delle tattiche anti-intrusione messe in atto dai militanti estremisti. E se il costo del Grande Orecchio continua a essere rilevante (nei quattro anni sotto esame lo Stato ha speso complessivamente per intercettazioni 1,358 miliardi di euro) almeno in questo settore si tratta sicuramente di soldi ben spesi.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Ven, 19/08/2016 - 10:49

MA comeee? alf ald ano continua a dire che non c'è pericolo e le toghe non fanno altro che sperperare soldi in intercettazioni,tra l'altro in arabo e sottodialetti di cui non capiscono 'na fava!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 19/08/2016 - 10:52

tanto poi li liberano, quindi non serve a niente.

st.it

Ven, 19/08/2016 - 11:16

beh ma guardate che al-fano gli mette in tasca il foglio di via e li invita a andare via dall'italia.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 19/08/2016 - 12:33

Prima li importano, poi li controllano. Chiedete quanto costa intercettare e capirete dove vanno le risorse. Se fossimo mormali non li importeremmo e butteremmo fuori tutti gli altri. Siamo alla follia istituzionalizzata.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 19/08/2016 - 14:28

Arriva prima a destinazione una lettera ordinaria spedita dal più sgangherato ufficio postale che alla frontiera l'ingiunto ad uscire dai confini dello Stato

belmoni

Ven, 19/08/2016 - 15:56

Ovvio.. normale conseguenza di tutta la rumenta che ci spediscono qui.

mauro.t

Ven, 19/08/2016 - 18:12

1000 intercettazioni... facciamo 2 telefoni a testa, 500 persone. Cosa e' successo a queste 500 persone? quante erano effettivamente terrosti? quanti arrestati o espulsi?

Ritratto di vraie55

vraie55

Ven, 19/08/2016 - 20:48

Non temo il telefono