Torna la Davis a Milano Se si batte l'Argentina sarà sfida con Djokovic

Gli azzurri devono passare i quarti a Pesaro e faranno la semifinale sui campi di Basiglio

Dopo quasi vent'anni il grande tennis potrebbe tornare a Milano. Nn un torneo open ma la Coppa Davis, la sfida che, nonostante tutto, nonostante il business dei grandi circuiti resta sempre uno degli appuntamenti più affascinanti. L'ultima volta che gli azzurri avevano giocato in città era stato nel 1998 ad Assago, poi più nulla. Ora invece la possibilità c'è ed è concreta. Il consiglio federale ha infatti deciso nei giorni scorsi di affidare l'eventuale sfida di semifinale allo Sporting Milano 3, il centro sportivo di basiglio che è stato recentemente ristrutturato ed è tornato agli allori che gli competono. Una decisione che è arrivata dopo un lungo ballottaggio con Napoli. E due sere fa durante la serata di gala organizzata per festeggiare il primo anno della nuova gestione dello Sporting è stato dato l'annuncio ufficiale. Davis sarà quindi e la sfida di semifinale si giocherebbe dal 16 al 18 settembre dopo i quarti che sono in programma dal 15 al 17 luglio a Pesaro quando l'Italia di ospiterà l'Argentina di Juan Martin Del Potro, Juan Monaco, Federico Delbonis e Guido Pella che ovviamente dovrà battere. Non ancora noti i convocati azzurri, la data limite per rendere ufficiali le convocazioni è il 5 luglio ma il nostro ct Corrado Barazzutti non dovrebbe andare al di là dei soliti 4, cioè Fabio Fognini, Andreas Seppi, Paolo Lorenzi e Simone Bolelli, con qualche piccola riserva su quest'ultimo, non ancora al top fisicamente.L'altro quarto di finale che interessea gli azzurri si giocherà invece a Belgrado dove se la vedrà con i campioni in carica della Gran Bretagna. E se tutto andrà come dovrebbe andare gli azzurri potrebbero sfidare proprio la Serbia del numero 1 del mondo Novak Djokovic. In caso di accesso alla semifinale la Davis quindi tornerebbe a Milano dopo ben 18 anni. Infatti l'ultimo incontro giocato dalla nostra nazionale nel capoluogo lombardo risale all'ultima finale giocata dall'Italia nella gloriosa competizione, e cioè quella giocata da Andrea Gaudenzi, Davide Sanguinetti e Diego Nargiso che furono battuti dalla Svezia al Forum di Assago nel dicembre del 1998. La semifinale si giocherà allo Sporting Milano 3 se l'Italia batterà l'Argentina a luglio a Pesaro e la Serbia invece la Gran Bretagna, in casa. Nel caso vincessero infatti Italia e Gran Bretagna, gli azzurri giocherebbero in trasferta e quindi in Inghilterra.

Sabato sera durante il galà allo Sporting nella nuova cornice dell'esclusivo club-resort rilanciato dalla famiglia Stilo e da Daniel Degli Esposti è stata ufficializzata la sede milanese per la semifinale in una serata che ha visto molti ospiti tra cui l'ex azzurro ed ora responsabile tecnico del centro Stefano Pescosolido, Lea pericoli una delle azzurre che ha fatto la stroia del tennis, Paolo Tramezzani secondo di Gianni De Biasi sulla panchina dell'Albania agli Europei e la coppia comica Gigi e Abdrea e Simone Barbato insuperabile nella sua mimica zelighiana. I festeggiamenti sono stati preceduti dall Partita della Solidarietà tra la Nazionale Artisti TV ed una selezione dello Sporting il cui ricavato è stato devoluto alla fondazione Harambee Africa International che si occupa di progetti in Africa Sub-sahariana per rendere l'istruzione accessibile a tutti.