Via al Torneo di Natale Per i big del Subbuteo è come un «Mundialito»

Sui campi del Soccer Club in gara i più forti Due giorni di eliminazioni e stasera le finali

Antonio Ruzzo

Il Subbuteo sta al calcio come il tennis tavolo sta al tennis. In punta di dito è uno sport a tutti gli effetti, dove ci si allena per migliorare tecnica ma anche capacità fisiche e mentali per sfide che durano ore e tornei dove bisogna restare concentrati e reattivi. E infatti il Subbuteo da ormai più di mezzo secolo è una disciplina agonistica in tutti i Paesi europei, in nord e sud America, in estremo Oriente e Oceania. Tornei, campionati, titoli europei e mondiali che mettono di fronte giocatori di tutto il mondo, iscritti alla Federazione internazionale (FISTF Federation of International Sports Table Football), nella quale è inserita anche la federazione italiana (FISCT Federazione Italiana Sport Calcio da Tavolo). Dai noi attualmente scendono in campo quasi 2000 tesserati, che difendono i colori di oltre cento club. In Lombardia sono otto le squadre. A Bergamo, Brescia, Cremona, Pavia, Como e soprattutto a Milano, dove ha sede il prestigioso Table Soccer Club Stella Artois che da trent'anni organizza un sfida classica del Subbuteo mondiale, il Torneo di Natale arrivato quest'anno alla trentanovesima edizione. Oggi sui 40 campi del club di Calvignasco si sfidano oltre duecento «calciatori» tra i più forti in circolazione nelle varie categorie, anche perchè nello spazio di via Monte Nero, dal 1978 ad oggi, sono passati davvero i più grandi di questo sport e l'albo d'oro del torneo ne fa un vero e proprio Mundialito del calcio da tavolo. I tornei che sono cominciati ieri si disputeranno lungo tutta la giornata, con inizio delle competizioni previsto per ore 10.00 e finali previste per le 19.00. Sarà una sfida all'ultimo gol sprttacolare quanto il colpo d'occhio sui 40 campi allestiti per ospitare il torneo: «Oltre alla componente agonistica- spiegano gli organizzatori - il nostro gioco prevede l'aspetto ludico e di aggregazione, tipico del nostro sport, ancora non contaminato da aspetti economici o esasperatamente agonistici. I giocatori hanno un approccio assolutamente amatoriale e questo aumenta la voglia di tutti di divertirsi, oltre che di vivere lo sport in senso stretto, con emozioni, gioie ed anche delusioni».

Il Subbuteo nasce come una rivisitazione del calcio su di un tavolo ma nel corso degli anni e delle varie evoluzioni dei materiali da gioco, si può dire che oggi che abbia un proprio ruolo definito. Si gioca colpendo delle «pedine» a punta di dito verso una palla, con l'obbiettivo di segnare nella porta avversaria. Un insieme di regole e accorgimenti, rende il gioco dinamico ed affascinante, in quello che si può considerare una via di mezzo tra gli scacchi ed il biliardo. vale la tecnica ma valgono anche tattiche e velocità che poi fanno quasi sempre la differenza in campo. Lo Stella Artois è una dei club più prestigiosi: nel proprio palmares ci sono 5 Campionati Italiani, 2 Coppe Italia ed una Coppa Europa, oltre a dodici tornei internazionali vinti ed un sessantina di trionfi sui campi italiani.