Toto-Ambrogini, c'è anche la Moratti

Dai Nucleo decoro urbano della polizia municipale, che setaccia migliaia di scritte e tag sui muri per risalire ai vandali a Paola Bonzi, la direttrice del Centro aiuto alla vita della Mangiagalli che in 29 anni di servizio ha incontrato circa 18mila donne e le ha convinte, con il supporto dell'associazione, a diventare mamme anche se vivevano in uno stato di difficoltà. Ma nell'edizione 2013 degli Ambrogini Giuliano Pisapia il prossimo 7 dicembre al Teatro Dal Verme potrebbe ritrovarsi a consegnare la civica benemerenza all'ex sindaco. Scade il 15 ottobre il termine per le candidature e il consigliere di Forza Italia Fabrizio De Pasquale anticipa che proporrà il riconoscimento della città a Letizia Moratti «perchè anche se in pochi nelle sedi istituzionali tendono a ricordarlo, è soprattutto grazie a lei che Milano ha vinto la candidatura ad Expo 2015. Merita un Ambrogino». Primo toto-nomi e prime sensazioni di quali saranno i casi che accenderanno il dibattito tra maggioranza e opposizione. Intanto, dopo le liti in aula due settimane fa è rinviata a data da destinarsi la delibera sul nuovo regolamento sulla consegna delle civiche benemerenze che avrebbe dimezzato il numero delle benemerenze. Almeno per il 2013, i gruppi potranno ancora esibirsi (o «spartirsi») su 30 medaglie d'oro e 40 attestati, anche se il presidente dell'aula Basilio Rizzo si augura che «sebbene la riforma sia saltata, i consiglieri cerchino di limitare il numero senza arrivare a quel tetto massimo di 70 riconoscimenti». Si vedrà. Per protesta contro quel taglio mancato, non presenterà nessuna candidatura il consigliere di Sel Mirko Mazzali. Lui e il collega Luca Gibillini, dalla parte degli artisti di strada, potrebbero non gradire la nomination del capogruppo di Fdi Riccardo De Corato per il Nucleo dei ghisa anti-graffiti o al commissario aggiunto Marco Luciani, «il loro lavoro di investigazione dalle scritte sui muri agli autori è preziosissimo, e finalmente è passato il concetto che per i vandali seriali può scattare il reato di associazione a delinquere», il riferimento è alla sentenza di qualche giorno fa a carico di 4 writers. Forza Italia supporta la a candidatura della direttrice del Cav Mangiagalli, promossa anche da una raccolta firma arrivata a quota 400 (da Guido Podestà a Mario Mantovani e Carlo Fidanza a membri della società civile). E dopo il boicottaggio sui social network a Guido Barilla per aver espresso la sua linea sui gay negli spot, i Pdl Matteo Forte e Pietro Tatarella vogliono candidare sia lui che la trasmissione radio La Zanzara. Centrodestra compatto sul presidente della Consob Giuseppe Vegas e raccoglie consensi la voce ufficiale del Motomondiale Guido Meda.
Per gli attestati si va da Casa Magica che aiuta i bimbi a fare i compiti (presentata dal Pd Alessandro Giungi) a enti che favoriscono il dialetto («ci sono associazioni che cantano la messa cantata in milanese» riferisce il forzista Giulio Gallera). Per la Medaglia alla Memoria la Lega i passanti uccisi a colpi di piccone dal ghanese Kabobo lo scorso maggio a Niguarda.