In tre anni 50 chilometri di piste ciclabili in più

Quasi 400 km contro 70. Il rapporto tra le piste ciclabili di Parigi e quelle di Milano. Fatte le dovute proporzioni tra le estensioni e il numero degli abitanti delle due metropoli, il dato resta comunque esemplare, simbolo di una diversa propensione verso la mobilità «a pedali».
Numerose le proposte in esame dal Comune, in accordo con le associazioni ciclistiche meneghine (Fiab-Ciclobby), per migliorare la viabilità su due ruote: portare entro tre anni le piste ciclabili a 120 km, porre il limite di 30 km all’ora nei controviali, aumentare le zone ciclopedonabili e consentire il doppio senso di circolazione alle biciclette anche nelle strade a senso unico. «La mobilità ciclabile - ha dichiarato l’assessore alla Mobilità Edoardo Croci -, coinvolge oggi il 5% della popolazione, una percentuale che vogliamo aumentare. Il nostro obiettivo è la realizzazione di una rete di piste ciclabili a maglie larghe che permetta di muoversi con continuità nella città, seguendo tracciati ben segnalati e sicuri».