Tre anziani aggrediti e derubati in strada

Sabato tre anziani, un uomo e due donne, sono stati aggrediti e picchiati per strada da degli sconosciuti che li hanno rapinati. La polizia sta indagando per cercare di risalire ai colpevoli ma si sa che, purtroppo, molto spesso, questi reati restano impuniti.
Il primo episodio, il più grave vista l’età della vittima - un uomo italiano di 89 anni - è avvenuto alle 8.50 in via Zante, in zona Mecenate. Il pensionato stava rincasando dopo aver fatto alcune commissioni, quando è stato aggredito alle spalle proprio davanti al portone di casa. Due uomini - che il poveretto non è riuscito a vedere in faccia - lo hanno afferrato per la gola prendendolo a pugni e calci pur di strappargli una catenina che portava al collo. L’anziano ha riportato alcune contusioni ma fortunatamente non ha avuto bisogno di essere medicato.
Nel pomeriggio, in via Valsesia, a Baggio, è stata la volta di due amiche, Clelia, una signora di 79 anni e Silvana, una 57enne. Le due stavano camminando per strada quando sono stati avvicinati da tre giovani stranieri in bicicletta. «Non parlavano italiano, ma erano tutti di carnagione chiara» ci hanno tenuto a precisare le donne quando hanno spiegato l’accaduto ai poliziotti giunti sul posto.
La prima ad essere aggredita è Silvana: uno dei ragazzi in bici le si avvicina e le strappa la collanina in oro che la donna porta al collo. Clelia, la più anziana, soccorre l’amica, ma proprio in quel momento viene aggredita pure lei da un altro dei tre ragazzi che, con una mossa fulminea, le afferra la borsa e la strattona, facendola cadere a terra e riuscendo così a rapinarla.
I tre aggressori scappano. E mentre Silvana recupera un pezzo della collana che le hanno strappato, si accorge che l’amica è ferita alla spalla. Un passante chiama il 118 e sul posto arriva anche una pattuglia della polizia. La signora Clelia viene così trasportata in codice verde all’ospedale San Carlo.
Secondo i dati diffusi durante la festa della polizia dello scorso 26 maggio, le rapine, nel territorio di Milano, sono state 2.087 nel 2011 e 2.005 l’anno prima.
Numeri e statistiche a parte, le aggressioni in strada, borseggi e scippi, negli ultimi tempi sono aumentati. Di recente, infatti, i Comitati di quartiere, si sono allarmati e hanno voluto incontrare il questore. Alessandro Marangoni ha cercato di spiegare come la situazione generale dell’ordine pubblico sia migliorata, anche se restano alcune zone d’ombra. Purtroppo, nella realtà di tutti i giorni di una città come la nostra, le rassicurazioni non bastano. Anche se provengono dal questore.
Commenti

paolodb

Lun, 11/06/2012 - 10:43

Non servono rassicurazioni, servono pattuglie, che al momento praticamente sono introvabili quantomeno in periferia.