Trovata collana della Vergine

Il gioiello finito in un Compro Oro

Era già finita in un Compro Oro e stava per essere rivenduta la preziosa collana rubata dalla statua della Madonna della Vittoria e della Pace nella Basilica di San Martino a Magenta. I carabinieri però l'hanno recuperata e la restituiranno presto alla parrocchia.La collana in oro trafugata dalla chiesa nella notte del 2 febbraio è stata ritrovata venerdì sera, prima che potesse sparire con i diversi passaggi di mano, dai militari del Comando provinciale di Milano. Le indagini della Compagnia di Abbiategrasso e del Nucleo investigativo di Milano erano partite subito dopo il furto. Anche il ladro è stato individuato, grazie alle impronte digitali. Si tratta di M.B., un pluripregiudicato 37enne di Cesate. Il ricettatore cui si era rivolto invece è D.M., di 32 anni, di Rho e anche lui con diversi precedenti. Quest'ultimo è stato trovato dai carabinieri che tenevano sotto controllo i Compro Oro. Aveva infatti cercato di vendere la collana, che vale circa 3mila euro, in uno di questi negozi a Rho. Gli uomini, entrambi italiani, sono stati denunciati rispettivamente per furto aggravato e per ricettazione. Anche se non è escluso che il 32enne abbia partecipato materialmente al furto.Il gioiello era stato donato alla statua della Vergine come ex voto da un'anziana fedele poco prima dello scorso Natale. La donna aveva anche acquistato la teca che doveva contenerla per scongiurare i furti, ma il ladro era riuscito a romperla con uno scalpello. Il 37enne si era nascosto in chiesa la sera, prima che il sacrestano chiudesse le porte. Aveva rubato il gioiello e poi era fuggito. Il parroco e i parrocchiani, che erano rimasti colpiti dal trafugamento, hanno accolto la notizia con grande favore. Non è ancora stato deciso però se la collana tonerà al proprio posto al collo della Madonna. Don Giuseppe Marinoni ha ringraziato le forze dell'ordine. La statua della Madonna della Vittoria e della Pace è un'opera molto antica e gli abitanti di Magenta le sono devoti. Si racconta che abbia protetto i feriti della celebre battaglia del 1859. Si trova nella cappella a sinistra dell'altare principale. Il ladro che ha portato via la collana non l'ha danneggiata. Ora la giornata di preghiera che era stata programmata per l'11 febbraio diventerà un'occasione di ringraziamento. CBas