Uccisi in tribunale: Milano in silenzio per il lutto cittadino

Il Comune invita a osservare un minuto di raccoglimento Alle esequie il capo dello Stato e i presidenti di Camera e Senato

Bandiere a mezz'asta e lutto cittadino. Quest'oggi Milano si spoglia della vitalità e dell'energia del Salone del mobile per concentrarsi, pensosa e grave, sul terribile lutto che l'ha colpita appena sei giorni fa. La messa per due delle persone uccise giovedì 9 aprile a Palazzo di giustizia dalla follia calcolata di Claudio Giardiello - imputato per bancarotta fraudolenta - sarà celebrata oggi alle 16 in Duomo dal cardinale Angelo Scola. L'arcivescovo di Milano - alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e dei presidenti di Camera e Senato Laura Boldrini e Pietro Grasso, insieme a una delegazione del Csm e al presidente dell'Associazione nazionale magistrati Rodolfo Sabelli - ricorderà il giudice Fernando Ciampi, 71 anni e l'avvocato 37enne Lorenzo Claris Appiani. Il sindaco Pisapia invita la cittadinanza a osservare un minuto di silenzio in concomitanza con l'inizio dei funerali.

Alla camera ardente allestita ieri per Ciampi e Claris Appiani, intorno alle 16.30 è arrivato anche Matteo Renzi, accompagnato dal prefetto Paolo Francesco Tronca, dal presidente facente funzione del tribunale Roberto Bichi, dal presidente della corte d'appello Giovanni Canzio e dal procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati. Il presidente del Consiglio, raccoltosi in preghiera davanti alle bare e fermatosi circa una ventina di minuti, ha abbracciato e dato anche alcune carezze alla madre e alla sorella del giovane legale ammazzato e poi ha parlato anche con il papà di Appiani e con i familiari del giudice, tra cui il figlio e il fratello. Due ore dopo Renzi alla camera ardente è arrivato anche il sindaco Pisapia che si è intrattenuto con i familiari delle vittime abbracciandoli a sua volta. Presenti anche l'ex presidente del Tribunale, Livia Pomodoro e il procuratore di Torino, Armando Spataro.

Tornando al premier Renzi, in mattinata aveva visitato la Fiera di Rho per la giornata inaugurale del Salone del mobile recandosi anche nel presidio del carabinieri dentro la Fiera per salutare i militari - due di Vimercate, uno della centrale operativa di Milano, uno che era in tribunale - che hanno consentito l'arresto di Claudio Giardiello. «Istituiremo un tavolo di lavoro perché la difesa dei tribunali sia più sicura di com'è stata» ha promesso Renzi sia durante la sua visita al Salone che alla camera ardente, assicurando il massimo impegno e provvedimenti al più presto per garantire la sicurezza nel Tribunale milanese e in tutti i tribunali. Renzi ha spiegato quindi ai vertici giudiziari milanesi di aver dato carta bianca al ministro Orlando in vista della riunione di giovedì con i procuratori generali sulla sicurezza.

Si terranno sempre oggi ma alle 10.45 e in forma privata nel Duomo di Monza i funerali della terza vittima, Giorgio Erba, 59 anni. La vedova, il figlio e la nuora hanno spiegato, senza alcuna volontà di polemica, che, in questo modo, ritengono di aderire al desiderio del loro congiunto di essere ricordato dagli amici più cari, tra cui appassionati di volo a vela, come lui. I funerali saranno presieduti dal vicario episcopale di Monza, monsignor Patrizio Garascia.