Undici frutti per dare un volto a Expo

C'è l'aglio che si piazza al posto del naso, una bella banana a formare il sorriso, due arance come gote colorate. Eppoi ci sono altri otto alimenti (l'anguria, il fico, il mais blu, il mango, la mela, il melograno, la pera e i ravanelli), ognuno con la sua storia e le sue caratteristiche che si uniscono per formare il volto di Expo 2015. È stata presentata ieri mattina davanti a una platea di bambini, al teatro Parenti, la nuova mascotte per l'Esposizione universale disegnato da Disney Italia. Non un solo personaggio però, ma una «famiglia» di alimenti che si animano e si riuniscono, con un evidente richiamo alle «teste composte» dell'artista milanese Giuseppe Arcimboldo che alla fine del Cinquecento si inventò i suoi grotteschi ritratti. Quelli della Disney sono simpatici, allegri, a misura di bambini. Si tratta di alimenti provenienti da tutto il mondo che avranno il compito di raccontare ed interpretare il tema dell'esposizione: «Nutrire il pianeta. Energia per la vita». I personaggi sono ancora senza nome: saranno i bambini a dovergliene trovare uno attraverso un concorso che si apre questa mattina anche online sul sito di Expo (www.expo2015.org e sui canali social) che si chiuderà il 7 gennaio.
«La scelta di Disney Italia di far rappresentare a un'intera squadra di personaggi l'Esposizione Universale del 2015 è molto fortunata e significativa, anche da un punto di vista educativo – ha dichiarato Giuseppe Sala, Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015 - sottolinea l'importanza del gruppo, la famiglia e la diversità valorizzando le caratteristiche di ogni singolo soggetto. Ogni alimento “animato“ darà vita a un aspetto del tema della manifestazione e si farà portavoce di buone e corrette abitudini. Anche per questo motivo, abbiamo deciso che fossero i più piccoli i protagonisti della presentazione. Non c'è pubblico migliore di quello dei ragazzi per giudicare se una proposta creativa avrà e successo e seguito. Siamo sempre più sicuri che sarà così».
Questi speciali ambasciatori dei valori e dei messaggi di Expo Milano 2015, riprodotti e declinati in differenti tipologie di oggetti e articoli di merchandising, non solo accompagneranno il cammino in questi anni verso l'Esposizione Universale ma dopo saranno compagni di viaggio per i 20 milioni di visitatori attesi sul sito espositivo dal 1° maggio al 31 ottobre 2015. Per quanto riguarda l'aspetto del merchandising, che sarà gestito da Disney Italia, «i gadget collegati ai personaggi, come abbigliamento, oggetti di scolastica e cancelleria, tazze, peluches e prodotti del food, saranno sul mercato a partire da Natale del 2014», ha aggiunto Sala. Il giro d'affari legato alla vendita dei gadget sarà di circa 150 milioni di euro, secondo quanto riferito ieri, di cui ad Expo andranno dai 5 ai 10 milioni. Non è stato deciso ancora nulla ma le mascotte Expo potrebbero essere protagoniste anche di un cartone animato. «Il tema della diversità è il primo che la mascotte doveva rappresentare - ha spiegato il direttore creativo di Disney Italia, Roberto Santillo - altro valore che ci ha ispirato è quello della coralità, utile a raggiungere un sogno».