Urne aperte dalle 7 alle 23 per un milione di elettori nei 1.244 seggi della città

Anagrafe aperta tutto il giorno per i certificati E ieri in 800 hanno rifatto la carta d'identità

Marta Bravi

Oggi il D-day. Dalle 7 alle 23 urne aperte per il referendum costituzionale. Il quesito, al quale gli elettori potranno rispondere «sì» o «no», chiede: «Approvate il testo della legge costituzionale concernente Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?».

Sono 1.244 le sezioni allestite nelle scuole sede di seggio, 4 nelle carceri cittadine, cifra che sale a 2.882 contando anche quelle in provincia. Sono chiamati al voto 2.340.147 di elettori (1.114.736 uomini e 1.225.411 donne) nei comuni della città metropolitana. Solo nel comune di Milano gli aventi diritto sono 943.104, mentre in tutta la Regione ammontano a 7.466.096 (9.223 le sezioni elettorali).

Defezioni, imprevisti gravi e malattie dell'ultimo momento hanno fatto «saltare» 201 presidenti di seggio che sono stati sostituiti, di cui 14 solo nella giornata di ieri. Circa un terzo degli scrutatori, invece, sono stati «rimpiazzati»: si parla di 1.205 sostituzioni, di cui 13 ieri. Un dato che salta all'occhio è l'alto numero di pazienti ricoverati negli ospedali milanesi che ha chiesto di votare. A far riflettere, rispetto alla prassi, è che un così alto numero di persone abbia chiesto il giorno precedente il referendum di poter votare, mentre di solito - spiegano dall'ufficio elettorale - è una richiesta che i pazienti esprimono il giorno stesso, all'ultimo. Il significato? L'alto interesse che riscuote il quesito referendario tra la popolazione.

Come di consueto oggi sarà disponibile il servizio di trasporto gratuito ai seggi per i disabili che si può richiedere all'Ufficio Autopubbliche telefonando ai numeri 02/884.65290, 02/884.45754 e 02/884.45750 o scrivendo una mail a MTA. autopubbliche@comune.milano.it.

Per quanto riguarda i documenti necessari per il voto, carta di identità valida e tessera elettorale, ricordiamo che anche oggi è possibile richiederli. Il salone centrale dell'Anagrafe di via Larga 12 e l'ufficio elettorale di via Messina 52 saranno aperti dalle 7 alle 23. I servizi disponibili: carta di identità e la tessera elettorale, e solo per i residenti a Milano. In servizio dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14 alle 17 anche le sedi d municipio (via Padova, Sansovino, Oglio, viale Ungheria, via Boifava, viale Tibaldi, via Legioni Romane, piazza Stovani, via Paravia, piazzale Accursio, via Baldinucci, largo De benedetti e via Passerini).

In totale dal 16 ottobre a venerdì 2 sono state distribuite 37.388 tessere elettorali in tutta la città, 6000 solo ieri, 5918 carte d'identità nuove e 12108 carte d'identità elettroniche.