«Vacanze» nei parchi tra corsi di yoga e notturni musicali

Si intitola «Verdestate» il programma milanese proposto dal Comune per trascorrere piacevoli giornate e serate all’aria aperta all’ombra delle (poche) piante metropolitane. Corsi di yoga e arti marziali, ma anche concerti tra classica, jazz e blues, e spettacoli di clown e animazione: l’importante è star fuori e imparare a conoscere ed apprezzare i nostri giardini. Torna proprio oggi il secondo appuntamento dei «Giovedì nei parchi» che la scorsa settimana animò parco Sempione con attività sportive e un concerto della Civica Orchestra di fiati. Oggi il programma si sposta al Parco Martiri della Libertà Iracheni (ex parco della Martesana) dove alle 18 partono i corsi gratuiti di Tai-chi (dalle 18 alle 19), di Yoga (dalle 19 alle 20) e di Pilates (dalle 18 alle 20). Non solo sport, però, ma anche giochi per bambini, attività culturali e musica live per intenditori. Alle 18, per i più piccini, ecco un divertente spettacolo di illusioni e giochi intitolato «Il Misterioso Dylan» (dalle 18 alle 20), mentre il «Biblobus», una vera biblioteca itinerante, sarà a disposizione del popolo dei lettori. Chiuderà la giornata il concerto di una vecchia gloria del blues, l’armonicista americano Andy J. Forest con la sua band. Ogni giovedì fino a settembre il festival di intrattenimento toccherà tutti i parchi cittadini, anche quelli meno conosciuti delle periferie. Il 12 luglio a Parco Formentano (L.go Marinai d'Italia), oltre alle consuete attività ludico-sportive, la Civica Orchestra di Fiati di Milano eseguirà musiche da Strauss a Vidale, da Sousa a Verdi. Le successive giornate si terranno a Parco Lessona, Parco Ravizza, Parco Villa Litta, Parco di Baggio e Parco Trotter.
All’interno del programma di «Verdestate», i giardini della Villa Reale di via Palestro offriranno invece anche quest’anno suggestive serate musicali. Proprio oggi prende infatti il via la diciannovesima edizione di «Notturni in Villa» che ospiterà tutte le settimane, da giovedì a sabato, ensemble internazionali di ogni genere musicale. Questa sera, alle 21.30, con il contributo dell’Istituto Svizzero di Roma e il patrocinio del Consolato Generale di Ungheria, si esibiranno Geza & The Bohemian Virtuosi. Promosso da Géza Hosszu-Legocky, violinista impegnato tanto sul fronte della musica d’arte quanto su quello della musica zigana, i Virtuosi di Boemia è un’orchestra di recente costituzione che riunisce artisti provenienti dall’Ungheria attivi in varie orchestre classiche.
Domani, invece, sarà la volta del «Piano Calling» di Cesare Picco, un nuovo straordinario percorso in cui il pianista si racconta al suo pubblico attraverso spritualità musicale e grande senso melodico. Sabato, con il contributo del Consolato Generale dei Paesi Bassi, grande spettacolo di jazz con il tandem tra l’olandese Dick De Graaf e l’European Jazz Quintet del panista Andrea Pozza. Il 12 luglio sarà invece di scena Motion Trio, uno strabiliante trio di fisarmoniche, un fenomeno unico nel panorama World Music europeo, che vanta riconoscimenti e collaborazioni prestigiose, da Krzysztof Penderecki a Bobby McFerrin. Si prosegue con i MoZuluArt (13.07), gruppo di punta della programmazione, nato dall'incontro di un pianista austriaco con tre cantanti dello Zimbabwe, che presenta un singolare progetto di fusione tra la musica di Mozart e la tradizione zulu.