Vaccini, allarme dei pediatri

«Troppa burocrazia, questo sistema rischia il collasso»

Il sistema rischia di collassare a causa della troppa burocrazia. A lanciare l'allarme sono i pediatri di famiglia lombardi che con il decreto sui vaccini obbligatori sono sommersi di lavoro e soprattutto di pratiche da compilare. Tocca a loro seguire tutta la trafila, dalle prenotazioni, alle registrazioni alla conservazione delle fiale in frigorifero alla giusta temperatura. Le liste d'attesa arrivano alla fine del 2018 e di sicuro sarà impossibile vaccinare tutti i bambini prima dell'inizio del nuovo anno scolastico. Anche se per l'ammissione negli istituti basterà che la famiglia dell'alunno abbia fissato l'appuntamento. «La Regione ci mandi rinforzi - chiedono i rappresentanti della categoria -, negli studi mancano assistenti e infermieri».