Vigorelli, la pista «magica» riaperta dopo quindici anni

Bisognava crederci, forse provarci. E per fortuna qualcuno che ci ha provato e ci ha creduto c'è stato. Così pochi mesi fa a Milano a 15 anni dalla sua chiusura la pista del Velodromo Vigorelli ha riaperto ai ciclisti. Quasi un sogno per chi su quei listelli di abete ha vissuto la storia del ciclismo mondiale ma anche per chi il mito del Vigorelli se lo è sentito solo raccontare. Dopo l'apertura rievocativa per il record dell'ora di Francesco Moser, dopo quella che per la presentazione della squadra di ciclismo olimpica in partenza per Rio che portato fortuna a Elia Viviani, il Velodromo Vigorelli ha riaperto i suoi cancelli con evento che ha segnato la rinascvita di una pista magica. Ma i lavori non sono finiti. Il progetto di recupero infatti prevede cantieri almeno per altri due anni, per lavori realizzati da Citylife a scomputo degli oneri di urbanizzazione che serviranno a ripristinare completamente il manto erboso, le tribune, i locali sotto tribuna e la storica palestra Ravasio. La pista invece è pronta e prefetta ma bisognerà cercare il modo di continuare nel ripristino dell'impianto senza però impedirne l'uso perchè se non viene usata e ben tenuta c'è il rischio che si degradi come è gia successo.

ARuz