La violenza della sinistra Raid al gazebo e aggressioni

Le violenze si moltiplicano e ora è difficile catalogarle come semplici fatti isolati. Perché quando la violenza colpisce a destra, da partiti, sindacati e associazioni sedicenti non violente, non si leva nemmeno un mormorio. Silenzio anche ieri quando a essere distrutto durante la notte è stato il gazebo di Fratelli d'Italia in piazza Cordusio. «Ci sono vigliacchi - accusa l'eurodeputato e candidato alle europee di FdI Carlo Fidanza - che siano vandali, centri sociali o esponenti dell'estrema sinistra che non hanno argomenti migliori che distruggere il lavoro altrui». Due, invece, le aggressioni a giovani di Forza Italia venerdì: in viale Regina Giovanna si sono visti strappare manifesti, bandiera e volantini con una ragazza aggredita. Al Giambellino in via Segneri due ragazzi coi volantini erano stati minacciati dagli autonomi: «Se non ve ne andate vi picchiamo». A Novate Milanese l'ex candidata sindaco Pdl Angela De Rosa oggi con Casa Pound denuncia scritte intimidatorie («Fascisti infami tutti a Loreto») e volantini minacciosi di Un gruppo di Novetesi antifascisti. «Possiamo ancora pensare che questi personaggi abbiano diritto di potersi esprimere? Noi crediamo di no». Alla faccia della democrazia.

Commenti
Ritratto di sitten

sitten

Lun, 12/05/2014 - 12:11

Insomma, gira e rigira, la violenza viene sempre dai bravi democratici antifascisti. Chissà se lo conoscono (Storicamente)il Fascismo, essi mi danno l'impressione di ragazzi (ragazzi?) pieni di complessi di inferiorità, accompagnata dalla dosa giornaliera di eroina, o cocaina, e non sanno come sfogare le loro frustazione.

Ritratto di randagio41

randagio41

Lun, 12/05/2014 - 17:42

Centri sociali - CGIL - FIOM = estremisti di sinistra = a delinquenti.

Fabius

Gio, 15/05/2014 - 11:33

Se qualcosa non interessa o non la si condivide, si passa avanti e non le si dà importanza (almeno io faccio così, anche con questi banchetti dei quali stiamo parlando, uno dei quali, quello in Viale Regina Giovanna, era vicino a casa mia). Non mi sembra un concetto particolarmente difficile né da comprendere, né da mettere in pratica, d'altra parte le nostre leggi garantiscono a tutti la libertà di esprimere le proprie idee se nel rispetto della legge. Evidentemente, i sinistri difensori della libertà e del confronto democratico (purché la si pensi come loro, ovviamente) non sono in grado nemmeno di elaborare questo semplice concetto...