Visto negato pure ai nipoti E Limonta riattacca Obama«Gesto meschino»

Il visto per gli Usa negato a Paolo Limonta,braccio destro del sindaco Pisapia, quindi al figlio Rahul e infine ai nipoti del coordinatore arancione. Dopo le polemiche dei giorni scorsi, Limonta su Facebbok è tornato sulla telenovela. «L'aereo di Giulia e Matteo è partito stamattina (ieri, ndr.) e loro sono rimasti qua, con le loro inutili valige pronte e gli occhi ancora increduli per quello che avevano letto il giorno prima sulla mail», la non autorizzazione al visto. «Mi sono immaginato un qualsiasi mister Smith che, a Washington, digitava con aria soddisfatta “invio“ sulla sua tastiera e faceva partire quella mail stupida, cattiva, incredibile» scrive Limonta. Un gesto «stupido e meschino». Aveva scritto al presidente Obama ma (guarda che sorpresa) « non è riuscito o non ha voluto spiegare a mio figlio Rahul perché gli fosse impedito di andare negli Usa».

Commenti
Ritratto di Loudness

Loudness

Mar, 30/07/2013 - 11:14

Perché non provano ad andare in Russia o in Cina? Magari la li accoglieranno a braccia aperte. All'estero il giochetto del "non sono comunista ma mi comporto da comunista" non funziona. Solo qui in Italia possono prendere per i fondelli la gente.