Voto unanime del Csm: Manlio Minale è il nuovo pg

Il plenum del Consiglio superiore della magistratura, all’unanimità, ha nominato ieri sera Manlio Minale nuovo procuratore generale di Milano, finora procuratore capo dell’ufficio.
Minale, che ha 69 anni ed è originario di Tripoli, ha ottenuto anche questa volta il consenso pieno del plenum, come accadde quando sei anni fa venne nominato procuratore presso il tribunale di Milano. In magistratura dal 1965, presta da 20 anni servizio negli uffici giudiziari milanesi. Nel capoluogo lombardo è stato prima consigliere di Corte d’Appello poi presidente di sezione del Tribunale. Nel 1990 è passato alla Procura come aggiunto (con delega alla Dda), incarico che ha lasciato nel 1999 per andare a presiedere il Tribunale di Sorveglianza. Poi il ritorno in procura nel 2003, stavolta nel ruolo di capo. Ora l’approdo sulla poltrona più importante della procura generale.
Tra i candidati successori di Minale alla guida della procura, ora, si fanno i nomi degli attuali aggiunti a Milano Armando Spataro, Edmondo Bruti Liberati, Ferdinando Pomarici e Nicola Cerrato, nonché l’attuale procuratore di Venezia Vittorio Borraccetti.