«Vuoi fare la modella? Devi essere gentile...»

Non ha certo peccato di originalità il sessantenne che, spacciandosi per uno che conta nel mondo della moda e dello spettacolo, ha cercato di sedurre una ragazza di 22 anni spiegandole che «Cosi fan tutte». La giovane non ha sentito ragioni, si è liberata dall'abbraccio del vecchio satiro e ha chiamato il 113. Gli agenti di una Volante sentito il racconto della vittima ha poi denunciato l'uomo per violenza sessuale.
L'aggressione l'altro giorno poco dopo le 15 in via Pitteri dove la ragazza, proveniente da Bergamo, era arrivata insieme alla mamma di 42 anni. La giovane, modella di professione, era stata infatti contattata dall'uomo per un provino in vista di uno spot pubblicitario. Senza sospettare nulla è entrata nello studio, lasciando la madre fuori ad attenderla. Qui ha trovato un piccolo set con tanto di passerella su cui ha sfilato ripresa da una telecamera.
Finito il provino il sessantenne l'ha fatta accomodare in sala d'attesa per poi riconvocarla nel suo ufficio. Qui si è avvicinato dicendo «Dai proviamo a fare un scena in cui noi due siamo fidanzati» e quindi ha cominciato a baciarla sul viso e sul collo. La vittima ha opposto un netto rifiuto e lui l'ha incalzata dicendole: «Stai tranquilla, è normale per chi vuole far carriera in questo mondo». Ma la ventenne si è divincolata uscendo dallo studio mentre il maturo play boy le rinnovava il consiglio «Se vuoi fare carriera...».
Appena uscita la ragazza si è confidata con la madre e insieme hanno deciso di chiamare il 113. I poliziotti hanno identificato l'uomo, che si è definito «procacciatore d'affari», poi denunciato per violenza sessuale. Ultimo particolare: non contento di aver allungato le mani, il canuto seduttore aveva anche chiesto alla giovane 70 euro per inserirla in un sito di modelle.