Un milione e 400mila piante di marijuana. Sequestrata nel Palermitano la più vasta piantagione italiana

Avrebbe fruttato più di 15 milioni di euro, ma i carabinieri di Monreale l'hanno sequestrata e fatta distruggere. Il terreno, 4.500 metriquadri, era di proprietà di un uomo di 54 anni e di sua madre, una signora 80enne

Palermo - Avrebbe fruttato più di 15 milioni di euro se fosse riuscita ad arrivare sul mercato della droga. Ma l'appezzamento di terreno di San Cipirello, nel Palermitano, coltivato a marijuana è stato sequestrato dai carabinieri di Monreale. Si tratta, secondo gli inquirenti, della più vasta piantagione di canapa indiana scoperta in Italia: oltre un milione e 400mila piantine su un terreno di 4.500 metriquadri. La piantagione è stata distrutta con l’aiuto dei mezzi della cooperativa Placido Rizzotto. I proprietari, un uomo di 54 anni e la madre ottantenne, sono stati denunciati ma gli inquirenti stanno indagando per scoprire chi effettivamente coltivava il campo di canapa indiana.