«Un milione per i mutui casa dei giovani»

Sabrina Cottone

Un milione di euro per finanziare i mutui casa delle giovani coppie con lavoro atipico e delle famiglie numerose. È uno degli emendamenti al bilancio di previsione 2006 che l’azzurro Carlo Masseroli, presidente della commissione Bilancio, sta mettendo a punto perché sia inserito nel documento di maggioranza che sarà presentato mercoledì prossimo. «L’idea è che il Comune stanzi il denaro come fondo di garanzia da mettere a disposizione delle banche. Si cercherà poi una convenzione con l’istituto di credito pronto a erogare le condizioni migliori» spiega Masseroli, che pensa a un importo intorno al milione di euro. È fin troppo noto, infatti, che le banche stentano parecchio a concedere mutui a chi non è in grado di concedere garanzie di posto fisso e reddito sicuro.
Il progetto casa si inserisce in una più ampia politica sociale della Cdl, che ha concentrato su interventi a sostegno delle fasce in difficoltà numerosi emendamenti all’assestamento di bilancio 2005. Tra gli interventi più cospicui (6 milioni) una nuova residenza per disabili, ma anche aiuti a anziani e meno abbienti per pagare l’affitto. In particolare, 150mila euro sono destinati come contributo agli anziani in fase di sfratto e 400mila euro per rifinanziare il fondo di sostegno all’affitto. Masseroli spiega la filosofia dei micro interventi: «Per l’assestamento di bilancio abbiamo scelto di procedere con piccoli interventi immediatamente eseguibili, rimandando i progetti di più ampi al bilancio di previsione 2006. Quanto alla questione casa è stata affrontata in modo organico nella delibera di piazzale Dateo».
Tra gli altri stanziamenti voluti dalla maggioranza anche 300mila euro di contributi a sostegno della maternità per i nati nel 2005 da famiglie monoreddito e disagiate. Un altro capitolo di impegno è il sostegno all’handicap per le scuole paritarie: 350mila euro per consentire alle scuole private di mettersi in condizione di accogliere i disabili e 665mila euro per adeguare le fermate dei mezzi pubblici e gli attraversamenti pedonali ai bisogni dei portatori di handicap. Sul fronte dell’integrazione i consiglieri della Cdl hanno voluto investire 125mila euro per insegnare l’italiano ai bambini extracomunitari.
«Questi provvedimenti non tolgono soldi a nessuno, ma sono finanziati con l’avanzo di bilancio del 2005: 26 milioni di euro ottenuti grazie alla rinegoziazione dei mutui» spiega il capogruppo di Forza Italia, Manfredi Palmeri, che ha presentato il maxiemendamento insieme agli altri rappresentanti della Cdl, Carla De Albertis per An, Giovanni Testori dell’Udc, Riccardo Albertini del Nuovo Psi e Ettore Tenconi della Lega. Il provvedimento sarà discusso in consiglio comunale lunedì. «Procederemo a oltranza, puntiamo a chiudere la partita in giornata» spiega ancora Masseroli.