Milioni di euro, dollari e franchi Ma tutti rigorosamente falsi

Era il «tesoro» di una coppia di truffatori nomadi

Ottocentomila euro, due milioni di dollari e un milione di franchi svizzeri: un piccolo capitale. Peccato fossero non solo falsi, ma con tanto di scritta «facsimile» stampigliata sopra. Un trucco, per evitare la denuncia di spendita di monete false, usato dai truffatori. Ché tali erano i due nomadi arrestati l’altro giorno presso il campo di via Monte Bisbino.
La coppia, 27 e 31 anni, era stata denunciata da un signore che aveva ceduto loro un Rolex in cambio di 8mila euro. Appunto in «facsimile». Molti truffatori mettono infatti le banconote buone - poche - sopra e quelle tarocche, fatte stampare appositamente, sotto, avvolte con la fascetta che copre la scritta. In questo modo, se fermati, non rischiano nulla.
Dopo la denuncia, la segnalazione viene girata al commissariato di Quarto Oggiaro dove gli investigatori possono partire con un bel vantaggio: il numero di cellulare di uno dei due truffatori. Gli agenti chiamano e propongono la vendita di un oggetto prezioso. I due abboccano, si presentano all’appuntamento belli come il sole con i loro «facsimili» e finiscono in manette. E nella successiva perquisizione alla loro baracca spunta fuori il tesoretto: euro, dollari e franchi svizzeri, ma tutti tarocchi.