Milioni di euro a fondo perduto ma mai investiti: 3 imprenditori in manette per truffa allo Stato

Tre imprenditori sono stati arrestati per associazione a delinquere finalizzata alla frode al bilancio comunitario e dello Stato per decine di milioni di euro: avrebbero ottenuto finanziamenti a fondo perduto per investimenti in località depresse del Paese che, in realtà, non venivano mai effettuati. Quattro le aziende coinvolte, la Finsystem spa e la Smart web di Monsummano Terme, la Unitrade srl di Roma e la Nous net di Salerno. Gli imprenditori sono stati arrestati nell’ambito dell’operazione «Ghostbusters» effettuata dalla Guardia di finanza di Pistoia e dalla polizia di Formia (Latina). Le ordinanze di custodia cautelare in carcere riguardano gli imprenditori N.A., 49 anni, di Pistoia, A.M. di 52 anni, di Roma e T.E. di 65 anni, di Pisa. I tre attraverso le società collegate hanno ottenuto la concessione di contributi per circa 20 milioni di euro per realizzare insediamenti industriali nel settore informatico a Elmas (Cagliari), Cabras (Oristano), Belpasso (Catania) e Postiglione (Salerno).