Militare insolvente Creditrice fa pignorare il comando generale

Una signora, Maria Marzella, ha avviato la procedura di pignoramento del Comando Generale dell'Arma per una vicenda legata all'insolvenza di un carabiniere, Nunziato L. G., al quale aveva affittato un appartamento. La donna cominciò una causa civile contro il militare nel 1990 e la vinse. Ma il militare, nonostante la condanna a pagare gli arretrati dell'affitto, oltre agli interessi e la rivalutazione, continuò a non versare denaro. La signora Marzella, era il 2000, decise di pignorare lo stipendio del militare. Dopo un iter durato cinque anni, il giudice dell'esecuzione ordinò all'Arma dei Carabinieri di trattenere dallo stipendio del dipendente le somme da destinare alla proprietaria dell'immobile. Ma anche l'Arma - dice l’avvocato della donna - non ha provveduto e quindi dopo più di 15 anni di causa, la creditrice ha deciso di pignorare il Comando Generale.