Mille lettere di denuncia ma solo una risposta

Seicento euro di francobolli per spedire a tutti i parlamentari l’articolo de il Giornale, a firma di Stefania Antonetti, pubblicato nei sulla prima pagina nazionale sulla facilità con cui è possibile abortire a Genova. Li hanno spesi i volontari del centro aiuto alla vita di Albenga, guidati da Eraldo Ciangherotti per inviare mille lettere ad altrettanti parlamentari. Il primo a rispondere è stato l’onorevole Emerenzio Barbieri dell’Udc che si è detto scandalizzato per la situazione ligure ed ha assicurato una forte presa di posizione da parte dei parlamentari cattolici di ogni schieramento per un’applicazione più attenta della legge 194. «È indubbio che l’aborto non debba più essere usato come mezzo di contraccezione come è accaduto fino ad oggi», ha ribadito l’onorevole Barbieri.