Mille sms al giorno per avere foto porno dei ragazzini

Pedofilo arrestato dai carabinieri. Solo 6 genitori su 98 lo avevano denunciato vedendo i messaggini dei figli<br />

Adescava adolescenti via cellulare, inviando foto pornografiche di donne e convincendoli a spedirgli mms con loro immagini di nudo. Per questo un genovese di 35 anni è stato arrestato dai carabinieri della compagnia San Martino su ordine di custodia cautelare in carcere. I militari in cinquanta giorni di intercettazioni hanno accertato che l’uomo aveva scambiato con 98 ragazzi dai dodici ai sedici anni ben 40mila sms e duemila mms. Il pedofilo, un operaio che gravita nel mondo dello sport giovanile, è rinchiuso da venerdì sera nel carcere di Marassi con le accuse di violenza sessuale, pornografia minorile, detenzione di materiale pedopornografico e molestie continuate ed aggravate. È stato confermato dai carabinieri della compagnia San Martino, comandanti dal maggiore Valerio Melchiorre, che non risulta abbia mai compiuto violenze né abbia avuto rapporti sessuali con i ragazzini irretiti con lo scambio di immagini pornografiche.
Le indagini sono partite alla fine dello scorso agosto dalla denuncia di sei genitori che avevano scoperto nei telefonini dei loro figli gli sms e gli mms osceni. Solo sei denunce - sottolineano i carabinieri - su 98 casi accertati: un dato preoccupante sulla diffusione del fenomeno, spesso non sospettato dagli adulti.