Milly Moratti: «Proviamo con gli scacchi»

L'Inter ha fallito due obiettivi su tre (campionato e Champions) e, alla vigilia del derby, sta vivendo l'ennesimo dramma: l'agguato dei tifosi sabato scorso e Massimo Moratti che sta seriamente pensando di vendere la società. Milly Moratti, moglie del patron nerazzurro, non si dà pace per l'ennesimo difficile momento della squadra: «Sembra impossibile non riuscire mai a trovare il bandolo della matassa». E lancia un'idea: «E se provassimo con gli scacchi? Era la grande passione di mio suocero e, l'ultima volta che l'Inter vinse lo scudetto, i giocatori parteciparono ad un corso organizzato ad Appiano dalla federazione scacchistica».
L'idea a Milly Moratti è venuta quasi per caso nella sede di «Vivere Milano», dove ha annunciato la sua candidatura alla Lista Civica per Bruno Ferrante, candidato sindaco del Centrosinistra. Nella sede, infatti, era in corso una gara di scacchi tra bambini, inoltre era presente Marina Brunello, la ragazzina di 11 anni di Rogno (Bergamo) che fa parte della nazionale femminile di scacchi e che parteciperà alle Olimpiadi di Torino in programma dal 20 maggio al 14 giugno.
«In fondo - ha detto Milly Moratti - con gli scacchi credo si possa imparare bene la strategia. Una mossa va fatta prevedendo ciò che farà il tuo avversario e come si schiererà. Così accade sul campo di calcio». Ma come vive questa vigilia?: «Sto male. Sto veramente male». La cognata Letizia Moratti, candidata sindaco per il centrodestra, invece è più distaccata dalle cose del calcio: «Non andrò allo stadio - ha detto -. Di solito le partite le guardo a casa con i miei figli».