Milva canta Brecht allo Strehler Tre serate per un recital storico

Primo spettacolo martedì 30: regia di Cristina Pezzoli. L’artista a giugno verrà decorata dal console tedesco

Torna a Milano l’intramontabile Milva. Dopo il successo delle repliche di novembre, che hanno simbolicamente aperto l’«anno brechtiano» al Piccolo, e all’indomani di una tournée primaverile che ha toccato Germania e Spagna, martedì 30 maggio, al Piccolo Teatro Strehler, alle 19.30, torna in scena - per sole tre serate - Milva canta Brecht storico recital di Giorgio Strehler ripensato da Milva e Cristina Pezzoli che ne cura la regia. Milva sarà accompagnata da Vicky Schaetzinger al pianoforte, Bruno Poletto alla fisarmonica, Federico Ulivi chitarra e banjo, Marco Albonetti al sax soprano, contralto, baritono. Testi di Bertolt Brecht, musiche di Bertolt Brecht, Hanns Eisler, Kurt Weill. Milva torna quindi a «cantare Brecht» in una impaginazione registica che, come afferma Cristina Pezzoli, si pone il problema di un «aggiornamento a Brecht rispetto al presente».
Lo spettacolo è diviso in tre sezioni, le ballate, la guerra, le figure femminili e «fa reagire il pensiero brechtiano con la complessità del mondo contemporaneo».
Giovedì primo giugno, inoltre, al termine dello spettacolo, il Console Generale della Repubblica Federale di Germania a Milano, Folkmar Stoecker, consegnerà a Milva l’Onorificenza di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania, tributatale dal Presidente tedesco Horst Köhler.