Mina in tv, lezione di canto nel nome di Sinatra

Magra e rilassata ha interpretato una nuova versione di «Blue moon»

Paolo Giordano

da Milano

Ma tanto la notizia è un’altra. Comunque Mina è tornata in video ieri sera all’ora di cena su Sky Tg24, vestita di nero, capelli rosso tiziano, occhiali, foulard nero a fasciarle il collo. In più gli attrezzi del mestiere: microfono e cuffie.
Era, in questi otto minuti registrati e già scaricabili in parte sui telefonini Tim, insieme ai tecnici e ai musicisti che sono da quasi trent’anni gli unici compagni di lavoro negli ovattati studi di Lugano. Ha cantato Blue moon in una versione diversa da quella del suo nuovo cd L’allieva, dove canta già a modo suo il Sinatra più famoso. Diversa e ancora più pacata. Lei che si gira, il contrabbasso che parte, il piano subito dopo. «Siete pronti? Stefano ci sei, Carmine vai!». Lei che col piede sullo sgabello e il braccio adagiato sul ginocchio canta Sinatra con rasserenante naturalezza. Insomma la Mina così understatement è quasi disarmante, la voce scivola via perfetta, persino nella pronuncia, e quando alla fine lei allarga il sorriso e squilla un «ok, carina», quella sentenza è sconsolante: difficile vedere tanta perfezione uscire così naturale.
Ma tanto che andavano le immagini, le sue prime dopo quelle trasmesse quattro anni da un portale internet, tanto che la più grande cantante italiana faceva il suo rapidissimo vernissage nel mondo della tv satellitare (e non è un caso), si è capito che la notizia è che Mina in tv non fa notizia. Non ne ha bisogno. È finalmente diventata altro, completamente avulsa, del tutto sganciata da un mondo che richiede ormai solo lo scoppiettìo superficiale dei sensi - il gossip a sfondo sessuale o monetario - e non più il virtuosismo pacato eppure roboante o il guizzo sagace della battuta. D’altronde Mina è sempre dappertutto. È uno degli artisti italiani più profilici: ogni Natale porta un suo cd sotto l’albero, con una puntualità, appunto, svizzera. Ed è opinionista della Stampa e di Vanity Fair, con due rubriche che puntualmente vengono riprese da radio e tg. Insomma, Mina esiste a prescindere dalla tv, che per fortuna dopo così tanti anni ha smesso di pretenderla con maniacale assiduità: a parte ogni vigilia di Festival di Sanremo, Mina in tv è un miraggio che nessuno ha neanche più il bisogno di agitare.
Così, ieri sera le uniche immagini davvero sorprendenti della sorprendente Mina sono state quelle prese in camerino con una telecamera digitale, dopo la registrazione di Blue moon. Lei che si aggiusta i capelli davanti allo specchio. Lei che esce e va via di spalle. Magrissima, quasi filiforme. Con una lunga treccia che scende sulla schiena e dondola lentamente fino a a sparire là in fondo al corridoio.