Minerari in calo a Londra

New York frena dopo la diffusione dei verbali dell’ultima riunione di politica monetaria della Federal reserve da cui è emersa la possibilità di ulteriori strette monetarie per tenere a freno l’inflazione. A un’ora e mezza dalla fine della giornata di contrattazioni, il Dow Jones sale di 5,44 punti (più 0,05%) mentre il Nasdaq perde 8,01 punti (meno 0,33%) e lo S&P500 cede 3,55 punti (meno 0,25%). Tra le Blue Chip sono in rialzo 23 titoli su trenta. Tra questi da segnalare Wal-Mart (più 3,19%), Boeing (più 0,91%) e Merck (più 1,83%). Sul versante opposto sono in calo Exxon Mobil (meno 3,07%), General Motors (meno 3,06%) e At&t (meno 1,93%). Ancora sotto choc dopo gli attentati di capodanno la piazza di Bangkok, che perde un altro 3%. In Europa, a Londra, penalizzati i titoli minerari, con Antofagasta che perde quasi il 5%, mentre Xtrada arretra di oltre il 3,5%. A Parigi vola il titolo Poweo (più 7,4%) all’annuncio di un accordo con Edf.