«Minerva», comandante indagato Nuovi soccorsi nel mare di Sicilia

Non si ferma l’emergenza immigrazione. Ieri, una nuova imbarcazione con circa 30-35 persone a bordo è stata soccorsa a 23 miglia a sud di Lampedusa (Agrigento). Intanto, il nome del comandante della corvetta «Minerva» della Marina militare italiana, è stato iscritto nel registro degli indagati della procura di Agrigento che indaga sul naufragio avvenuto al largo di Lampedusa all'alba di sabato scorso e che ha provocato la morte di 10 clandestini mentre altri 40 sono risultati dispersi. L'iscrizione risale ad alcuni giorni addietro - l'ipotesi di reato è disastro colposo - ed è un atto dovuto. Il nome dell'ufficiale della Marina non sarebbe l'unico iscritto nel registro degli indagati. La procura ritiene infatti che la Minerva sia entrata in collisione con il barcone con 120 immigrati ma che l'urto sia stato provocato dalla incauta manovra effettuata da chi era al timone della «carretta».