Mingus Dynasty, che emozioni in nome del grande maestro

La vedova di Charles Mingus, Susan Graham, dopo la scomparsa del compositore avvenuta il 5 gennaio 1979, si preoccupò che le vicende artistiche e le opere del maestro non perdessero nulla della notorietà acquisita in tanti anni. Fra le sue prime iniziative curò la fondazione di tre orchestre in grado di eseguire le musiche di Mingus. Inoltre collaborò con il direttore d'orchestra Gunther Schuller affinché fosse riunita una band di 31 musicisti per l'interpretazione del sinfonico Epitaph al quale Mingus lavorò tutta la vita. Il settetto Mingus Dynasty ha tenuto concerto per due sere al Blue Note di Milano ottenendo un successo superiore ad ogni previsione, tanto più che, eccettuato lo straordinario pianista David Kikoski, i componenti attuali sono quasi sconosciuti. I brani di Mingus proposti, fra i quali Faubus Fables e Wednesday Night Prayer Meeting, hanno restituito con emozionante fedeltà lo spirito dell'autore e nello stesso tempo hanno consentito ai solisti la giusta autonomia.