La Mini Clubman comincia a farsi vedere in giro

da Milano

Eccola come mamma l’ha fatta: è l’inedita Mini Clubman, fotografata dal mensile Monsieur a Ginevra durante il Salone dell’auto mentre girava in notturna per le vie della città svizzera con la curiosa scritta «solo un assaggio». Dopo le varie interpretazioni al computer e le foto non ufficiali che sono comparse su diverse riviste nonché su Internet, la versione station wagon della Mini, definita anche «shooting brake», cioè berlinetta con volume posteriore, appare ora nella sua veste definitiva: lunga 20 centimetri più della 3 porte (quindi 3,90 metri), riprende in sostanza le linee del prototipo che aveva debuttato a Francoforte del 2005 con, in più, la doppia portiera laterale solo sulla fiancata destra per agevolare l’accesso ai sedili posteriori. Si tratta di uno sportello più piccolo che si apre in direzione di marcia e che dà quel tocco di originalità alla vettura in sintonia con la filosofia glamour del marchio: la piccola portiera resterà sul lato destro anche per le versioni con guida a destra per cui, a esempio, gli inglesi non potranno usufruire dell’ingresso lato marciapiede come noi italiani. Originale anche la soluzione al posteriore con doppio battente che dà accesso a un bagagliaio piuttosto capiente. La Clubman sarà la prima Mini della storia con 5 porte. Per quanto riguarda invece le motorizzazioni, la «shooting brake» riprenderà sostanzialmente i propulsori della berlina. Al debutto entro la fine dell’anno (costerà 2mila euro in più della corrispondente berlina: il listino attaccherà quindi da circa 19mila euro) e in passerella al prossimo Salone di Francoforte, la Clubman potrebbe far capolino a Milano durante la settimana del Salone del Mobile, dal 18 al 23 aprile.