Mini Tg3 alle 21 dopo lo slittamento di «Primo piano»

Tre, quattro minuti di pillole del Tg3. Alle 21,05. Lo hanno ottenuto, se non si cambierà idea, i giornalisti del terzo canale Rai con la nuova programmazione autunnale. Sembra proprio una contropartita per lo spostamento di «Primopiano», la striscia di approfondimento quotidiano, in avanti come orario, a mezzanotte, con l’idea di creare una nightline insieme al notiziario. La decisione di mandare in onda dal lunedì al venerdì la satira di Serena Dandini (Parla con me) alle undici al posto di PrimoPiano aveva suscitato dure reazioni di giornalisti e di molti politici. Ma il vertice Rai non ha cambiato idea, nonostante le numerose proteste. Allora i giornalisti, che si sono visti mortificare i loro spazi di informazione, hanno ottenuto di inserire un mini Tg alle 21,05. Peccato, però, che quell’orario sia proprio delicato: in quei minuti le reti si giocano l’attenzione degli spettatori che decidono quale programma di prima serata guardare. E chi ha già visto le news dello stesso Tg3 delle 19 o degli altri canali, magari non si sofferma più. E per pochi minuti si possono perdere tanti spettatori.