Ministri? No, tutti scrittori

In due anni di governo, ministri e leader del centrosinistra hanno prodotto più libri che provvedimenti. Pagine su pagine per spiegare quello che nei pastoni dei tg e nelle interviste (sempre troppo poche) non riescono a comunicare ai cittadini. Saggi, memorie, trattati di politica, ampi scenari, riflessioni sull’Italia che sarà o dovrebbe essere. I più romanzieri sono quelli del Pd, con Walter Veltroni in testa seguito dal suo vice Franceschini. Recordman è invece Giuliano Amato che in due anni è uscito quattro volte in libreria. E il premier Prodi? Ha scritto Ci sarà un’Italia. Purtroppo nessuno l’ha ancora vista.