Ministro contrario fusione Pekao-Bph

Unicredit

Wojciech Jasinski, il nuovo ministro del Tesoro polacco, è decisamente contrario alla fusione delle due banche Unicredit in Polonia, Pekao Sa e Bph, e auspica che «abbiano proprietari diversi e operino separatamente» per non dominare il mercato bancario polacco. In un'intervista a «Gazeta Wyborcza», Jasinski critica il processo delle privatizzazioni del patrimonio nazionale realizzato in anni passati. «La Polonia - ha detto - dovrebbe avere una forte banca polacca». A suo avviso solo una tale banca potrebbe reggere la concorrenza con gli istituti occidentali presenti in Polonia e in paesi confinanti. Le future privatizzazioni dovrebbero essere realizzate, a suo avviso, piuttosto attraverso la Borsa e senza la ricerca di un investitore strategico. Jasinski, 55 anni, già presidente della commissione parlamentare per le finanze, è l’uomo vicino ai gemelli Kaczynski, al presidente Lech e al leader del partito di destra al governo Diritto e giustizia (Pis) Jaroslaw.