Ministro tedesco lascia l’amante: meglio la moglie

da Berlino

Per quanto riguarda la vita sentimentale, e sessuale, dei politici la Germania è un Paese estremamente permissivo. Due governatori regionali, quello del land di Berlino, Klaus Wowereit, e quello della città Stato di Amburgo, Ole von Beust, sono dichiaratamente omosessuali. E omosessuale è anche il leader del partito liberale Guido Westerwelle, fotografato spesso in occasione di eventi mondani con il suo amichetto, molto più giovane, aitante e palestrato.
Copie unisex e ripetuti divorzi non soltanto non suscitano scandalo ma non influiscono neppure sulla popolarità dei politici. Basti pensare che c’è stato un Cancelliere, Gerhard Schröder, con quattro mogli, e un ministro degli Esteri, Joschka Fischer, con cinque, l’ultima delle quali ha meno della metà dei suoi anni.
Ma un conto è la Germania e un conto è la cattolicissima e molto bigotta Baviera, dove i costumi spregiudicati tollerati a Berlino vengono considerati incompatibili con la condotta che deve tenere un politico. Ne sa qualcosa il ministro dell’Agricoltura Horst Seehofer che non solo è bavarese ma è anche uno dei maggiori esponenti della Csu, l’Unione cristianosociale, il partito più conservatore dello schieramento tedesco, ed è addirittura in corsa per diventare il successore del potentissimo Edmund Stoiber, attuale governatore della Baviera e leader della Csu.
Ma le sue quotazioni sono in declino da quando si è scoperto che il quasi sessantenne Seehofer non è quel personaggio esemplare che credevano i suoi elettori, e cioè un marito fedele e il padre premuroso di tre figli. Da ben quattro anni Seehofer ha una storia segreta con un’avvenente segretaria di 15 anni più giovane della moglie. Storia segreta perché i due hanno fatto di tutto per tenerla nascosta. Ma non c’è nulla che sfugga ai tabloid tedeschi, che sono riusciti a sorprendere i due amanti in atteggiamenti che non lasciano dubbi sulla natura dei loro rapporti, e persino a pubblicare una foto in cui lei appare con tanto di pancione essendo al nono mese di gravidanza.
Apriti cielo. Le rivelazioni dei tabloid non sono affatto piaciute in Baviera tanto che nella corsa alla successione Seehofer sta perdendo punti a favore del suo rivale Erwin Huber.
Ma è scandalo anche nella spregiudicata Berlino, perché il partito di Seehofer si è sempre distinto per la sua intransigente opposizione a tutto ciò che è liberalizzazione dei costumi e strappi alla tradizione: diritti agli omosessuali, riconoscimento alle coppie di fatto, non obbligatorietà del crocifisso nelle scuole. Insomma, non piace che uno sia bacchettone in Parlamento e libertino in privato.
Ma la storia non finisce qui. Ieri i soliti tabloid hanno pubblicato una foto dove si rivede il ministro adultero che passeggia mano nella mano con la moglie. Riconciliazione? Si vedrà. A giudicare dai primi commenti sembra, però, che la foto abbia più nociuto che giovato all’immagine del ministro, sia in Baviera che a Berlino. In Baviera perché forte è il sospetto che la riconciliazione sia solo un trucco per recuperare popolarità. A Berlino perché si rimprovera al ministro di trascurare l’amante mentre sta per mettere alla luce il frutto del loro amore anteponendo la carriera ai sentimenti.
Due modi diversi di guardare la stessa storia.