Miracolo riuscito: dimessa Luna, la bimba francese massacrata dal padre

L’incubo è finito. Luna, la bimba francese di quattro anni massacrata dal padre in pieno centro a Roma e finita in coma, è stata dimessa ieri mattina dall’ospedale romano Bambin Gesù, dove era stata portata in condizioni disperate il 20 luglio scorso. Proprio venerdì la piccina aveva festeggiato il suo quarto compleanno, circondata dall’affetto della mamma, Fabienne Verdeille, 32 anni, e di tutti quei medici e infermieri che si sono prodigati per salvarle la vita. Il padre, il 37enne Julien Monnet, invece, si trova ancora in stato di arresto nella clinica del carcere romano di Rebibbia: gli è stata diagnosticata una sindrome schizofrenico-paranoide. Monnet sarà sottoposto a una perizia psichiatrica, in sede di incidente probatorio, come richiesto dal pm Francesca Passaniti e dall’avvocato difensore Michele Gentiloni Silveri. Bisogna stabilire se l’uomo fosse in grado di intendere e di volere al momento quando ha picchiato la figlia. Se Monnet risulterà in precarie condizioni psichiche, il legale è intenzionato a chiederne il trasferimento in un centro clinico francese. Gli si contesta il reato di tentato omicidio.