Le miserie di BariccoSe l'ignoranza èuna virtù antifascista

Per Baricco, ultima versione di una setta dominante, l’antifascismo prece­de l’intelligenza e la verità, la bellezza e la qualità

Per molti anni non ho nemmeno pre­so­in esame l’eventualità di leggere Malaparte: era fascista. Lo dico senza al­cun complesso di colpa. L’antifascismo è un modo di stare al mondo che val be­ne il prezzo di certi svarioni. Il privilegio di aver ereditato la capacità di riconosce­re i fascismi e l’istinto a combatterli vale largamente qualche scaffale vuoto, e un po’ di bellezza o intelligenza persa per strada.

Non sono diventato scemo, come giu­stamente avrete pensato. Ho citato l’in­cipit di un articolo di Alessandro Baric­co apparso su La Repubblica che mi sem­bra la sintesi peggiore, cioè migliore, di quello spirito settario che ammorba da decenni la cultura e l’intelligenza.

Per Baricco, ultima versione di una setta dominante, l’antifascismo prece­de l’intelligenza e la verità, la bellezza e la qualità. E interi scaffali della sua biblioteca s­o­no vuoti per questa indecente censura o riempiti di roba scadente al posto della grandezza proibita. L’ignoranza come virtù antifascista.

Non ci sono i più grandi poeti del No­vecento, Pound, D’Annunzio, Marinet­ti, Ungaretti; i più grandi filosofi, Gentile e Heidegger, e grandi scrittori come Céli­ne, Drieu, Pirandello, Papini, Hamsun, Junger e mi fermo... E se lo stesso criterio vale per i grandi che hanno elogiato o ser­vito tiranni, schiavitù e razzismi, la bi­blioteca di Baricco è priva pure di Plato­ne e Aristotele, Seneca e Dante, Shake­speare e mi fermo di nuovo...

Poi ci chiediamo della presente mise­ria e omertà intellettuale: Baricco ce ne offre la spremuta. No grazie, fa vomitare.

Commenti

lunisolare

Mar, 26/06/2012 - 15:56

L'ignoranza di questo tipo è pregiudiziale non è la sana ignoranza che ti spinge a conoscere nuove idee, nuovi modi di pensare, quella di Baricco è un'ignoranza settaria, ripiegata su stessa, che ha un modo parziale di analizzare la realtà a secondo del partito preso. L'ignoranza deve essere la molla che spinge la persona a conoscere nuove prospettive, deve innescare la "meraviglia" a nuovi orizzonti, per parafrasare un noto filosofo " sapere di non sapere" ti porta a sviluppare una forma di conoscenza più approfondita.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Mar, 26/06/2012 - 16:26

per molti anni non ho mai preso in considerazione l'eventualità di leggere repubblica, e quando trovai la bovisa infestata di giornalacci gratuiti ho capito che quella bella operazione di marketing, atta a raggiungere la diffusione e la tiratura del corriere, era pagata dai contribuenti come me che ho sfangato sin da ragazzino per pagarmi gli studi.

Ritratto di Geppa

Geppa

Mar, 26/06/2012 - 16:38

Sofisma, come la mette la mette Veneziani appare un sofisma cercare di riabilitare il Fascismo a momento storico positivo. Proprio perchè la verità, la bellezza e qualità lo negano. Riempirsi la bocca con nomi di grandi poeti e scrittori non le fa avere ragione e pareggiare con Baricco, anzi, ci fa una bella figuretta. Ma un pò di amor proprio ce l'ha? così giusto per sapere...

sirio900

Mar, 26/06/2012 - 16:43

veneziani, il tuo è un commento ipocrita di chi vuole difendere idee assassine e liberticide, non dire che anche il comunismo lo è, meno fotto del comunismo sto parlando del fascismo, dei fratelli rosselli, di matteotti, dei miliono di morti in grecia, albania, russia, e dei miei concittadini discriminati e infilati nelle camere a gas, il fascismo è morte e non sarà di certo la bonifica pontina o l'inps o le colonie per i ragazzini a renderlo più accettabile, poi leggo sia pound che celine, ma per favore non ti appropriare anche di chi dal fascismo si era allontanato ben presto, ma anche fossero stati, e non lo sono stati, tutti fascisti, questo non riduce di nulla l'abominio del sistema fascista e preferisco studiarlo che farmi affascinare

pieropomiga

Mar, 26/06/2012 - 17:02

Malaparte non mi pare poi questa gran perdita, anche se è a un livello molto superiore rispetto a baricco. E definire D'Annunzio fascista, be', ci va una bella fantasia, dai

gigggi

Mar, 26/06/2012 - 17:03

Vede veneziani, ho la ventura d'essere piu' anziano di lei e pur avendo vissuto gli ultimi anni dell'abominevole ideologia che ha insanguinato il mondo, certamente l'ho solo conosciuto solo attraverso la lettura ...per diletto,all'universita a scienze politiche e per aver respirato fascismo da sempre con un padre come il. mio che essendo del 1917 ,ahisè, lo conosceva bene e lo amava lo odiava lo disprezzava ..gli ci son voluti parecchi anni per capire in quale mostro di ideologia aveva creduto.Ma lei, mi deve dire che divalo puo' saper e del fascismo se non attraverso le letture...e come ha fatto a convincersi che fascismo è bello se tutto il mondo è contro il fascismo e quindi la letteratura ufficiale contro il fascismo ad esclusione di chi lei ha citato sapientemente ma che son morto prima o durante il fascismo e per citare malaparte ,era fascista ma come mio padre l'ha abiurato..lei che diavolo ne sa?????

Ruy Diaz

Mar, 26/06/2012 - 17:06

Dice Veneziani che la biblioteca di Baricco è praticamente quasi vuota... Niente di nuovo. Lo sanno tutti che nella mente di Baricco non c'è posto per nessuno che non sia Baricco.

Ritratto di Gabryele87

Gabryele87

Mar, 26/06/2012 - 17:13

Ricordo come se fosse ieri quando all'introduzione di D'Annunzio durante l'ora di letteratura era seguita una mezzora di diffamazione contro tutto il futurismo , reo di essere fomentatore di fascismo. Non ci era concesso scegliere da soli se quello che leggevamo era fascismo o meno , ci veniva già consegnato con le istruzioni con tanto di bollino rosso ... Come possiamo conoscere il bene ed il male se non possiamo giudicarlo di persona tramite le sue opere scritte ? La verità è che un libro fà più paura di una molotov.

Ritratto di veon

veon

Mar, 26/06/2012 - 17:18

Vabbè, ma per essere antifascisti nel 2012 uno deve per forza essere ignorante... Sennò è dura. Caro sirio900, non commetta il solito errore (in buona fede?). Dire che gli antifascisti moderni sono dei decerebrati non equivale ad essere sostenitori del fascismo. Che poi gli antifascisti siano peggio dei fascisti è un altro discorso, ma sono comunque due pessimi gradi della disumanità. Uno è sparito decenni fa, l'altro ancora ci ammorba. E poi, quale parte dell'articolo si configura come una riabilitazione del fascismo, non è dato sapere. Sarà che non sono abbastanza antifascista. E meno male...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 26/06/2012 - 17:18

La spocchia di questi sedicenti intellettuali di sinistra è figlia diretta della loro immensa ignoranza...... per loro solo un velo pietoso.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 26/06/2012 - 17:23

a prescindere.... chi è costui?

roberto.morici

Mar, 26/06/2012 - 17:24

Evidentemente questo Baricco, che immagino dotato di intelligenza spaventosamente mostruosa, pensa che certa gente (Bocca, Scalfari, l'ex partigano rosso Boldrini, Gunter Grass, Montanelli, Albertazzi e centinaia di altri individui) sia nata pressoché deficiente e diventata miracolosamentee geniale immediatamente all'atto della firma del famoso armistizio nel fatidico...8 settembre

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Mar, 26/06/2012 - 17:40

Personalmente quando leggo non ho la puzza sotto il naso come certe persone. Leggo, analizzo, mi piace o non mi piace, per me è solo una questione di gusto. Quando un libro è bello, è divertente, è ironico, è poetico, è istruttivo, romanzesco, oppure è semplicemente un libro di una noia mortale, del suo colore politico non me ne importa un fico secco. Se mi piace bene, se non mi piace metto da parte, per il sacro rispetto che ho per i libri che rappresentano l’espressione poliedrica del pensiero umano, dato che quello che a me non piace potrebbe piacere ad un’altra persona. Tanto semplice, perché complicarsi la vita?

Max Stirner

Mar, 26/06/2012 - 18:05

Eppure Massimo Cacciari, altro membro dell'inllighenzia di sinistra, ha sempre preferito Giovanni Gentile a Benedetto Croce... forse Baricco, invece di seguire Vattimo, dovrebbe ispirarsi più al filosofo veneziano, che possiede tra l'altro una bellissima e vastissima biblioteca privata.

guardiano

Mar, 26/06/2012 - 18:11

Da un povero ignorante ma pieno di buon senso dico a questo pseudo intellettuale vai a c.....e fa anche rima, che si proponga come papa straniero del centro sinistra?

scipione

Mar, 26/06/2012 - 18:23

Povero,misero Baricco,non si rende conto che da quel che dice , da quel che pensa e da come agisce,si evince che incarna l'essenza piu' profonda e lurida del FASCISMO PIU' ABBIETTO.Ma e' il destino amaro degli eredi luridi della ideologia piu' infame e criminale della storia che ha appestato e appesta ancora oggi il mondo. Vade retro,stupido.

Ritratto di Ennaz

Ennaz

Mar, 26/06/2012 - 18:21

Non sprechiamo parole! Ignorante ed imbecille! Sufficit!

mariolino50

Mar, 26/06/2012 - 18:26

Io sono sinistro ma non intellettuale, però trà i miei libri oltre ad alcuni classici del marxismo è presente anche il Mein Kampf e la storia del partito fascista di Achille Starace, ciò non vuol dire che io apprezzi quegli scritti, ma il nemico lo devi conoscere per poterlo evitare di nuovo, Baricco stà sulle scatole pure a me.

Ritratto di dicosololaverità

dicosololaverità

Mar, 26/06/2012 - 18:38

Lasciamolo stare, poveraccio. Senza il Cavaliere, tutti questi scrittori illuminati da luce rossa, hanno le "penne "arruffate" e qualcosa devono pur scrivere per vivere. Anche i mediocri mangiano.

Coriolanus

Mar, 26/06/2012 - 18:39

Caro Veneziani, cosa vuole ... fare cadere certi tabù non è facile. Ma questo non riguarda solo il tema del fascismo e del cosiddetto antifascismo. In questo momento, in un'altra parte del Giornale, Grillo viene letteralmente massacrato per il fatto di avere detto alcune cose (peraltro, in parte, malamente interpretate) che a me sembrano assolutamente ovvie ma che, sfortunatamente, si discostano dalle verità "ufficiali". Vuole un esempio di alcune di queste cose scandalose? Semplifico. Ha detto che in Iran c'è la pena di morte, ma che questa c'è anche negli Stati Uniti. Mi pare vero. Che non possiamo sapere cosa succede esattamente in Siria e non possiamo prendere per buono quello che al riguardo ci viene propinato dai media ufficiali (tutti invariabilmente filoatlantici e filosionisti). Mi pare vero. Che ad Ahmadinejad fanno dire cose che non ha mai detto. Anche questo come certificato da chi conosce la lingua Farsi, è vero. Ed allora di che ci lamentiamo?

Ritratto di vonMoltke

vonMoltke

Mar, 26/06/2012 - 18:48

ma perchè parlare di baricco? E' forse uno scrittore, un intellettuale, un punto di riferimento? E' un ometto qualsiasi pieno di sè (categoria di cui la sinistra rigurgita ad ogni piè sospinto), pace all'ignoranza sua.

a_volte_scrivo

Mar, 26/06/2012 - 18:54

Io sono cresciuto a dosi massicce di antifascismo, fino a prendere in uggia gli antifascisti e a osservrli con molto spirito critico. Hanno molto in comune con i fascisti, forse quasi tutto: sono violenti, dogmatici, velleitari, supponenti, tronfi, autoreferenziali... L'antifascismo nasce dallo stesso terreno del fascismo

gi.lit

Mar, 26/06/2012 - 18:57

Ma il dramma è che costoro a furia di autodefinirsi superiori finiscono per credere alle loro stesse cavolate. E' un fenomeno collettivo di autosuggestione che fa di certe congreghe politico-culturali un'accozzaglia di malati di mente.

Perrucci Antonio

Mar, 26/06/2012 - 19:12

Un imbecille che va ad aggiungersi alla schiera dei lecchini arcocostituzionalisti. Avrà mai letto De Felice? Sarà uno degli ammiratori di Stalin prima e di Pol Pot poi?

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Mar, 26/06/2012 - 19:32

Sono sgomento di fronte all'"autorizzazione a discriminare" data a coloro che presentano la patente di antifascisti. Il permesso di adottare quello stesso comportamento, superbo e sfottente che disprezzerebbero qualora lo vedessero adottare al "fascista". Credono di fare come Socrate (che "sapeva di non sapere") ma poi, invece di guardare gli uomini caso per caso, come il grande filosofo, si rifugiano nella comodità di una ideologia inappuntabile, inattaccabile, furba, che permette anche all'ultimo degli ignoranti la soddisfazione di credersi migliore di grandi uomini che solo l'abitudine ha bollato come "fascisti"; per questa gente il fascismo è pregiudizio e il comunismo è principio. Rifiutandosi di sapere che hanno fatto più vittime i princìpi che i pregiudizi!

Ritratto di Nanuq

Nanuq

Mar, 26/06/2012 - 19:41

3 Geppa: Ma sapete leggere, tu ed quella manica di sinistri senza cultura che impesta questo forum? Citami una sola frase di questo articolo che si possa interprertare come riabilitazione del fascismo. Ma vai a giocare a bocce

Giancarlob

Mar, 26/06/2012 - 19:51

Per me Baricco è uno che non capisce se stesso quando parla. Figurarsi se può dire qualcosa di connesso con il cervello.

antiquark

Mar, 26/06/2012 - 20:21

Fascisti? Antifascisti? Che roba è Hanno fatto l'Italia, ma a parte qualche ottantenne che ricorda qualche episodio, le generazioni che oggi lavorano ( ci provano ) producono ( producevano ) e vengono vessati dalle tasse il fascismo lo ha letto sui libri di scuola, o poco più. Poi ci sono i pazzi fanatici che si fanno chiamare neonazisti, ma nulla sanno del nazionalsocialismo. Tirare fuori una fesseria del genere equivale a dire "io con l'omicidio di Giulio Cesare non centro niente" Vorrei sapere come fanno certe persone ad avere il tempo di andare a sparare caz.. del genere e fare una bella vita, e noi ci ammazziamo di lavoro per portare a casa una vita decente per i nostri figli.

Ritratto di dicosololaverità

dicosololaverità

Mar, 26/06/2012 - 20:20

Un pensiero miserabile nella mente di un miserabile: Dante era Guelfo o Ghibellino? ... Bruciamo la Dina Commedia!.

cantastorie

Mar, 26/06/2012 - 22:40

...probabilmente si è espresso male...forse voleva dire che era un attento e devoto lettore filosovietico!!!

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mar, 26/06/2012 - 23:54

Con il termine "antievoluzionismo" si fa riferimento a tutte quelle critiche ed ipotesi alternative sollevate nei confronti della teoria dell'evoluzione biologica, secondo le quali la teoria manca di fondamento logico, testabilità scientifica o sufficienti prove. Tali critiche, non condotte con metodo scientifico o invalidate dallo stesso, sono considerate ascientifiche o semplicemente pretestuose dalla comunità scientifica in quanto pregiudiziali e non basate su evidenze; tecnicamente non suffragate da pubblicazioni su riviste scientifiche dotate di impact factor e sottoposte a peer reviewing[1][2][3]. I modelli scientifici via via sviluppati nell'ambito della teoria dell'evoluzione per selezione naturale, non fanno parte di questo gruppo: tra questi ricordiamo la teoria di Lamarck, superata per ragioni storiche, la teoria degli equilibri punteggiati e quella del saltazionismo, in qualche modo assorbite e integrate nella moderna sintesi neodarwinista

Ritratto di LoZioTazio

LoZioTazio

Mer, 27/06/2012 - 03:25

Baricco? Chi era costui?

aguaplano

Mer, 27/06/2012 - 08:21

ma questo Baricco chi è?

ciciao1950

Mer, 27/06/2012 - 08:37

Allora perchè leggere Biagi, Fo e Barbapapà Scalfari?

Giacinto49

Mer, 27/06/2012 - 09:21

Sono le idee di destra ad aver portato avanti il mondo per millenni. La sinistra con il suo progressismo a buon mercato punta solo a rendere, per motivi di bottega, la vita più semplice a tutti. Dimentica, però, che senza sacrifici e rinunzie non si è mai costruito niente di buono nè mai lo si farà.

Ninanina

Mer, 27/06/2012 - 09:25

Gentile dott. Veneziani sa che lo sospettavo? Baricco lo ha detto chiaro e limpido e gli altri la pensano come lui. D'altronde basta leggere cosa scrivono alcuni lettori di sinistra per capire come hanno plasmato il sentimento antifascista. PS: lunisolare completamente d'accordo con lei.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Mer, 27/06/2012 - 09:48

Credo che difficilmente ci libereremo di questo "ricatto" antifascista. Abbiamo più o meno dimenticato tutte le guerre civili della nostra Storia: guelfi e ghibellini, congiure e Signorie, Riforma e Controriforma, la caccia all'untore, i giacobini, la Carboneria, il brigantaggio, mazziniani e garibaldini, proto-anarchici e socialisti turatiani e arriverei all'anticlericalismo finito "ufficialmente" nel 1929 col Concordato. Dal fascismo in poi è tutta un'altra storia: le ideologie e la violenza di massa hanno marchiato il '900 con fatti entrati nell'immaginario collettivo; ma, soprattutto, è stata la possibilità tecnica, per la prima volta nella storia dell'umanità, di riprodurre quei fatti (specie quelli con connotazioni più "ritualizzate") con suoni e immagini, che ha "stampato" irrimediabilmente nella memoria quegli eventi, rendendoli così strumentali ad una precisa posizione politica che molto difficilmente mollerà la gestione e l'intoccabile ricatto della "memoria collettiva".

Andoni

Mer, 27/06/2012 - 10:32

E' proprio questo il problema caro Marcello. Tu vai a controllare e a criticare la biblioteca di Baricco: ma chi sei tu per arrogarti questo diritto ? Lui non è libero di leggere quello che vuole ? E' obbligato forse a leggere quello che tu gli consigli ? A proposito: nella mia biblioteca, molto grande e fornita (almeno credo: ma questo forse dovresti confermarmelo tu) non c'è nemmeno un tuo libro o un tuo articolo. E ne sono molto orgoglioso. Ragionate gente...

Gadget Kitsch

Mer, 27/06/2012 - 10:39

Praticare astinenza e autocensura culturale? Ognuno è libero di leggere quel che gli pare, ma quello che piu' diverte (o rattrista) è il senso di superiorità, il narcisismo che porta il Nostro a pavoneggiarsene, a proporre la propria chiusura mentale come metodo di studio, con la vecchia e nota partigianeria di chi non dimostra di scegliere fra autori "liberali" e "totalitari" (il che sarebbe cmq ridicolo), ma, peggio, rifiuta di fatto un totalitarismo promuovendone altri. Francamente Baricco mi sembrava meno piccolo e un pò piu' intelligente.

Ninanina

Mer, 27/06/2012 - 10:54

#38 Andoni: certo che, sig. Andoni, se avere una grande biblioteca come la sua porta a non ragionare e non capire cosa ha scritto il dott. Veneziani, cosa perde tempo a leggere?

Ritratto di dicosololaverità

dicosololaverità

Mer, 27/06/2012 - 11:14

Andoni; per nostra fortuna, ancora. siamo liberi di vivere nella nostra ignoranza, ma non facciamone uno stile di vita e un vanto.

barbanera

Mer, 27/06/2012 - 11:39

Però in questo modo,Baricco ottiene pane e companatico dalla classe dirigente.Un pò come dario fo ,benigni,fazio e via via ruffianando.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Mer, 27/06/2012 - 11:50

#38Andoni- Mi permetta di consigliarle almeno un libro del Dr. Veneziani: "Vivere non basta - Lettere a Seneca sulla felicità" (Mondadori). Un libro amaro e fiducioso; nello stesso tempo sensibile come i moderni e severo come gli antichi; "dolce e antico". E dispiace che l'autore del "Pianista sull'oceano" soffra dell'acrimonia insensata di cui soffre p. es. Camilleri, anche lui valido scrittore: entrambi sanno, qua e là, cantare quando scrivono, ma "ruttano" clamorosamente quando "politicano".

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Mer, 27/06/2012 - 12:05

Leggendo alcuni commenti, mi rendo conto che molte persone sono rimaste imbrigliate e prigioniere del pensiero altrui. Di conseguenza, anche quando escono per l’ora d’aria respirano sempre l’aria della prigione, nella quale si sono rinchiusi, senza mai alzare lo sguardo al cielo e, presi dal timore di doversi confrontare con la triste realtà di prigionieri, ne accettano la condizione a prescindere.

cincinnatus

Mer, 27/06/2012 - 13:12

... e se, all'antifascismo, aggiungiamo la presunzione di essere intellettualmente e moralmente superiori, raggiungiamo l'eccellenza del PICCIRILLO ossia, in passato, l'aderente al PCI, oggi, le sue scorie.

Ritratto di robertoguli

robertoguli

Mer, 27/06/2012 - 14:36

Ancora una volta Veneziani scatena i "professori" che si ribellano ad una lucida analisi di chi parla un pò troppo. Condivido il commento #42. Distinti saluti. Roby

Andoni

Mer, 27/06/2012 - 14:48

#41 dicosololaverità: mmm, credo di aver capito che dietro questo pseudonimo in realtà si nasconda la mano del grande Marcello ? Lo intuisco dalla sottile ironia e dalla perfida acidità con cui le parole sono allineate una dietro l'altra. E poi anche il nome: uno che si fa chiamare "dicosololaverità"... Mi sbaglio Marcè ?

Andoni

Mer, 27/06/2012 - 14:56

#40 Ninanina (733): a differenza di quanto lei crede, io capisco perfettamente quello che scrive e quello che pensa il "grande" Marcello. Proprio per questo investo il mio tempo a rispondere e criticare queste sue idee.

cincinnatus

Mer, 27/06/2012 - 15:29

#38 Andoni - Non ti differenzi da Baricco dicendo, anzi vantandoti, di non avere alcun libro di Veneziani nella tua "ricca" biblioteca. Fai male; ti dimostri settario e poco aperto alla conoscenza. Da vero PICCIRILLO che presume di non aver bisogno di alcun confronto - ahi la vanità - e legge la Pravda perché è tutto ciò che riesce a capire ed apprezzare. Io, invece ho molti lbri di Veneziani e te ne consoiglio uno iin particolare: La sconfitta delle idee. Avvincente. Ciao Piccirillo, scoria del PCI.

Ninanina

Mer, 27/06/2012 - 15:30

Andoni: non mi pare, non mi pare proprio. Addirittura lei sa quello che Veneziani pensa? Oh mamma mia! Comunque Veneziani non ha affatto scritto che Baricco non è libero di leggere ciò che vuole. Legga meglio magari capisce.

Ritratto di Luca Scialò

Luca Scialò

Mer, 27/06/2012 - 16:00

Bé se i vari Baricco, Volo e Moccia sono diventati i nuovi Guru della letteratura italiana, vuol dire che qualcosa non va...

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mer, 27/06/2012 - 16:14

Scusate, ma veramente Baricco ha scritto "istinto a combatterli", invece che "istinto di combatterli", come vorrebbe la lingua italiana? Chissà, se questo presunto (e presuntuoso) letterato avesse letto qualche scrittore "fascista" di quelli citati da Veneziani, forse non commetterebbe errori così marchiani.

Andoni

Mer, 27/06/2012 - 16:36

#50 Ninanina: cara ninanina, perchè se la prende tanto se oso criticare il "grande" marcello ? E' per caso una sua amica ? O è addirittura lo stesso marcello sotto falso nome ? Io ho riletto meglio ed ho proprio ricapito quello che ho già scritto. Saluti.

rolando francazi

Mer, 27/06/2012 - 16:39

Il Cardinale Ippolito d'Este, leggendo la sortita di Baricco, avrebbe commentato:"Cazzabubbolate".

Andoni

Mer, 27/06/2012 - 16:39

#49 cincinnatus (391): mica ho detto che non ho mai letto un libro di marcello. Ho semplicemente detto che non ho nessuno nella mia libreria. Mi sta venendo un "terribile" sospetto: perchè molti di voi lettori lo difendete così tenacemente ? Non è per caso che sia sempre lo stesso marcello che si nasconde sotto falsi nomi ? Grande marcè...Saluti.

fabmax

Mer, 27/06/2012 - 16:50

Con l'antifascismo si fanno i soldi e si costruiscono carriere caro Veneziani. L'antifascismo ha miracolato i Napolitano, i Fabi Fazi (che no lo hanno mai conosciuto), i Dari Fo'. Insomma, se sei una nullita' fatti mantenere dai cretini, e' meglio, e la vita diventa semplice. Avendo letto 3 libri di Baricco posso solo dire dove l'ho buttati.......ma suonerebbe poco "fine".

Ninanina

Mer, 27/06/2012 - 16:51

Andoni: ma che bravo che è lei che perde tempo ad indovinare che si cela dietro un nick. Io non me la sono presa perchè lei ha criticato. Vede, non c'è comunicazione, non so se fa finta di non capire o non capisce veramente. In tal caso le consiglio di leggere il post della sig.ra ROSELLA MENEGHINI pare fatto apposta per lei. Saluti.

Andoni

Mer, 27/06/2012 - 17:11

#57 Ninanina (737): cara ninanana, le ripeto che io capisco perfettamente quello che scrive il "grande" marcello. Altrimenti pensa che starei quì a perder tempo a rispondere e a criticare ? Forse è lei che non capisce quello che scrivo. Ed è sicuramente arrogante, come il "grande" marcello, quando qualcuno non la pensa come lui e da superiore interrompe la discussione affermando che non c'è comunicazione. Ah, dimenticavo: io sono sicuro di essere libero e di ragionare esclusivamente con la mia testa. Magari sbaglierò, ma la testa è soltanto la mia. Ultima cosa: 58 commenti su queste stron..te; forse marcello viene pagato a numero di commenti ?

Ritratto di dicosololaverità

dicosololaverità

Mer, 27/06/2012 - 21:44

Andoni, se la testa la usa come sta dimostrando qui, sarebbe meglio che la usasse per rompere le noci di cocco.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Ven, 29/06/2012 - 17:29

Ma senta, caro Andoni, sarà mica che lei, invece, è un'invenzione geniale del Dr. Veneziani per testarci a tutti quanti?

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Ven, 29/06/2012 - 17:21

Senta, caro Andoni, ma sarà mica che lei, invece, sia una geniale invenzione del Dr. Veneziani per vivacizzare la discussione o per testarci a tutti quanti?

gb1

Gio, 05/07/2012 - 20:05

#58 andoni mi sembra decisamente paranoico con la mania di insinuare che tutti i commenti siano scritti da Veneziani sotto mentite spoglie. Evidentemente è soggetto abituato a parlarsi e rispondersi: dalla qualità dei ragionamenti è evidente come ben poca sia la capacità di dialogo, e sia inascoltabile da chicchessia oltre i 5 minuti. Ed i suoi evidenti limiti mentali trovano perfetto collocamento nell'essere supporter schierato dell' antifascismo militante!