«Miss Padania? È il segno del cambiamento»

Si chiama Alessandra Piscopo la nuova miss Padania 2007: 20 anni, 1 metro e 74 di altezza, è un'appassionata della Juventus ed è studentessa in un liceo scientifico di Torino. Fidanzata con Marco, Alessandra, è riuscita con la sua bellezza a sbaragliare una concorrenza di 48 finaliste. La mamma, la descrive come una ragazza solare, simpatica ed altruista, ma per lei, che fino alla fine non voleva crederci, il tutto rimane ancora un gioco. «Non pensavo proprio alla vittoria-commenta Alessandra -, pensavo solo a divertirmi e a dare il meglio di me stessa». Nonostante la giovane età, dimostra anche di avere la testa sulle spalle: «Questo per me è stato un gioco-commenta ai cronisti-, il prossimo pensiero, sarà quello di tornare a scuola anche se la mia passione è il cinema, mi affascinano moltissimo le soap opera ed il teatro. Il 16 maggio ho festeggiato il mio 20° compleanno, sicuramente questo, è il più bel regalo che potevo ricevere». Soddisfazione anche per la seconda e terza classificata, rispettivamente Martina Viani 18enne di La Spezia e Stefania Zappa, 17 anni di Brescia. La manifestazione, condotta da Marco Balestri affiancato da Dj Ringo è andata in onda su Retequattro. Fra i giurati Elenoire Casalegno, Edoardo Raspelli, Pascal Frese. Non sono mancati, ospiti del calibro di Emilio Fede che ha assegnato la fascia di «Miss Informazione» a Jade Canali, una studentessa 18enne di Gallarate. «E' quattro anni che seguo questo concorso-commenta Fede- è divertente, caloroso e pieno di belle donne, soprattutto sono contento di aver chiacchierato con Bossi, l'ho trovato in forma». Sul palco, alternando le diverse prove della selezione, si sono susseguiti comici e cantanti. Non poteva mancare nemmeno il segretario federale della Lega Nord Umberto Bossi, fu proprio lui nel '98, a volere Miss Padania. In un'intervista a Telepadania ha detto: «Vedere delle belle ragazze che hanno voglia di studiare per fare le attrici, è molto positivo, bisogna credere nella Padania, il federalismo non c'è e le donne, con la loro bellezza, partecipando a miss Padania, contribuiscono al cambiamento. Oggi infatti, si preparano i tempi in cui nella cabina elettorale, cambierà qualcosa».