Mister Di Carlo: «Non firmo per il pareggio»

Da sabato a venerdì. Sette giorni cruciali per la Sampdoria che giocherà su tre fronti. Due sul campo del Ferraris. Oggi il Milan, mercoledì il Psv in Europa League. Uno al Collegio arbitrale della Lega Calcio. Venerdì per la vicenda Cassano.
Partiamo da quest'ultimo «impegno». Intervenuto a Genova per un convegno sull'attività forense, Paolo Giuggioli, presidente del Collegio Arbitrale della Lega, chiamato a decidere le sorti della diatriba Garrone-Cassano, ha chiarito. «Se ci sarà la conciliazione la questione potrebbe risolversi già venerdì, altrimenti saranno necessari 90 giorni». Poi ha aggiunto un'importante precisazione. «Personalmente non conosco le carte di questo procedimento che studierò giovedì». Ritorna anche sulla sua intervista nella quale, parlando dei genovesi, aveva citato il «braccino corto» e che aveva fatto arrabbiare il numero uno doriano. «Era solo una battuta e nient'altro».
Intanto Riccardo Garrone è tornato ancora una volta su Cassano, senza nessuna apertura. «Aspettiamo cosa succederà davanti al collegio arbitrale».
In attesa dunque del fatidico 3 dicembre, mister Di Carlo e la squadra si concentrano sulla prima delle due partite. A Marassi arriva la capolista. Ma c'è già una buona notizia. Il capitano Angelo Palombo è tra i venti convocati. «Ormai sta bene. Ci sarà» come conferma lo stesso allenatore blucerchiato che non appare intimorito dall'arrivo di Ibrahimovic e compagni. «Ci vorrà per prima cosa grande compattezza e velocità di gioco perché se il ritmo dovesse essere blando il Milan sarebbe avvantaggiato. D'altronde dopo aver fermato Juventus ed Inter proveremo a fare lo stesso anche contro i rossoneri. E non solo per migliorare la nostra classifica». Infatti il tecnico saprebbe a chi dedicare l'eventuale vittoria. «Vorremmo regalare una grandissima soddisfazione sia al presidente che ai nostri tifosi. Al momento posso solo dire che scenderemo in campo per i tre punti. Non firmo per il pari».
Pochi i dubbi sulla formazione. Curci andrà in porta, Volta dovrebbe vincere il ballottaggio con Cacciatore per il ruolo di terzino destro, Gastaldello e Lucchini centrali, con Ziegler a sinistra. A centrocampo potrebbe esserci qualche sorpresa, «Poli e Tissone si sono comportati molto bene a Lecce e non escludo di schierarli insieme a Palombo» spiega il tecnico di Cassino. In attacco Guberti agirà alle spalle di Pazzini «che vedo molto carico» e Marilungo, leggermente favorito su Pozzi.