Mister Prezzi indaga sulle Rc auto

da Milano

Mister Prezzi vuole vederci chiaro sulle tariffe Rc auto, dopo aver ricevuto dall’Isvap la relazione sull’andamento dei premi nel primo semestre 2007, e convoca l’Ania per il 6 marzo. L’associazione delle compagnie, che andrà «con assoluta tranquillità» all’incontro, replica: il prezzo medio delle polizze effettivamente pagato dagli automobilisti italiani è «ancora in calo, come era già accaduto nei due anni precedenti». La decisione del Garante Antonio Lirosi arriva nel giorno in cui i consumatori tornano all’attacco, denunciando nuovi aumenti, soprattutto per neopatentati e over 50. Tanto che Adiconsum chiede espressamente di poter partecipare all’incontro tra Mister Prezzi e le compagnie assicurative, quale «parte direttamente interessata alla questione».
Più drastico il Codacons: «Se proseguirà l’escalation delle tariffe Rc auto, indiremo lo sciopero della polizza contro le compagnie assicurative», minaccia il presidente dell’associazione, Carlo Rienzi.
L’analisi sugli andamenti tariffari dell’Rc auto tra il 2006 e il 2008 era stata chiesta formalmente dal Garante all’Isvap il 14 febbraio. Una relazione nella quale è emerso che il ramo Rc auto e natanti ha registrato nel primo semestre 2007 un risultato positivo di 617 milioni (pari a un incremento di 185 milioni rispetto allo stesso periodo del 2006), pur avendo riscontrato un aumento del 5% del numero di sinistri pagati. Secondo il Garante il risultato «sarebbe conseguenza della forte riduzione (pari al 10 per cento) del costo medio dei sinistri pagati e riservati che passa da 4.064 a 3.647 euro, imputabile agli effetti del sistema di risarcimento diretto introdotto un anno fa. Si tratta di un dato molto atteso per i potenziali benefici che può comportare in termini di contenimento di prezzi delle polizze sulla Rc auto».
In questo contesto, dunque, l’obiettivo di Antonio Lirosi è quello di «approfondire gli elementi di analisi e di confronto» per ridurre, se possibile, le tariffe.