Il mister schiera la Samp «a pigna»

C’è quello striscione che si vede benissimo e dice ancora di più. Credeteci, lo hanno sistemato i tifosi blucerchiati di Bogliasco. E potrebbe essere lo slogan di una partita che vale molto per la Samp. Walter Novellino quell’invito lo trasforma in un appello leggermente diverso ma il concetto è sempre lo stesso: «Sarà importante la forza di volontà, con la consapevolezza, però, che la situazione è difficile: bisogna fare gruppo e ritrovare l’autostima in noi stessi, ma anche essere fiduciosi». Parola di Monzon che spiega ancora. Immagina così la Samp. O meglio la vorrebbe così. Un paragone che rende l’idea: «Penso ad una pigna, è necessario presentarsi uniti e compatti». Servirà soprattutto questo oggi pomeriggio al fischio d’inizio per togliere subito al Cagliari la voglia di fare la voce grossa davanti ad una Samp che arriverà da sei sconfitte consecutive ma si presenterà con il piglio giusto. Nessuna paura, soltanto un obiettivo: muovere la classifica.
Novellino precisa, vede la montagna che diventa sempre più ripida ma non ha paura: «Quando si scala, può capitare di continuare a scivolare e basterebbe solo un piccolo passo in avanti». Quello che cerca la squadra blucerchiata per ridare fiato ad un campionato che si è interrotto sul più bello un mese e mezzo fa. E Novellino vuole rivedere soprattutto una cosa di quella Samp: «Parlo del carattere, eravamo sesti a quel punto del campionato, chiedo questo ai miei ragazzi. Che dovranno avere una grande volontà, è l’unico modo per uscire da questa voragine». L’ultima frase è dedicata, invece, alla visita di tutta la truppa (Riccardo Garrone e Beppe Marotta compresi) al Santuario della Madonna della Guardia: «Non è che si chieda di vincere, ci sono cose molto più importanti ma era importante ritrovare la spiritualità del gruppo». Che si presenta con, quasi, tutti gli effettivi.
Novellino deve ancora decidere la formazione che scenderà in campo, i dubbi ci sono e soltanto questa mattina potrebbe scioglierli. Di certo, c’è una cosa: Samuele Dalla Bona si ritrova di nuovo in prima fila per la sostituzione di Gionata Mingozzi. Il tecnico blucerchiato preferisce affidarsi alla maggiore esperienza dell’ex centrocampista del Lecce. C’è, anche un punto interrogativo sulla fascia destra e il ragionamento coinvolge, inevitabilmente, anche il reparto offensivo che dovrebbe essere formato da Andrea Gasbarroni (qualche metro più avanti del centrocampo) e Vitalii Kutuzov. Se Novellino dovesse rinunciare ad Aimo Diana, ci sarebbe uno scambio di pedine. Gasbarroni sulla destra e spazio a Corrado Colombo, non al meglio per i problemi alla caviglia.